menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ultimo quarto fatale: la Rinascita perde il derby con Faenza all'overtime

La voglia di non mollare mai e la grande determinazione sono state le armi per superare la squadra di coach Massimo Bernardi

La Rekico Faenza si aggiudica il derby con Rimini dopo un tempo supplementare recuperando 16 punti nell’ultimo quarto. La voglia di non mollare mai e la grande determinazione sono state le armi per superare la squadra di coach Massimo Bernardi. Per la Rinascita si tratta della seconda sconfitta: domenica prossima sarà l'Andrea Costa Imola, in testa a pari merito con Faenza, a fare visita alla compagine biancorossa. 

"Abbiamo giocato per 35' una partita magistrale, il piano tattico era perfetto: con la difesa '30' a tutto campo e la zona 3-2 abbiamo tolto ritmo a Faenza e giocato come volevamo noi - afferma coach Massimo Bernardi -. Siamo andati sopra anche di 16 punti e ad inizio ultimo quarto eravamo avanti di 14, purtroppo abbiamo una condizione approssimativa per via degli infortunati: Rivali ancora non c'è e Simoncelli fa quello che può, è stato eccezionale per 35' ma poi la squadra è calata. Abbiamo camminato in attacco e sono tornati gli errori ai tiri liberi nei momenti importanti, nell'ultima azione dovevamo far fallo e dalla panchina tutti urlavamo così ma non è comunque successo e la conseguenza è stato un altro canestro da tre punti subito. Sono molto arrabbiato per questo e la squadra deve fare un bel bagno di umiltà, troppi parlano delle potenzialità di questa squadra e di quanto siamo forti, ma noi dobbiamo dimostrare tutto ciò che vogliamo conquistare sul campo. Le partite come questa non si possono regalare, ora si riparte a fari spenti lavorando duro in allenamento con i giocatori disponibili".

La partita

Nel primo tempo i manfredi soffrono la difesa a zona di Rimini che imbriglia Anumba e Testa, impedendo ai padroni di casa di costruire buone trame offensive. Si vall'intervallo col punteggio 32-26 per gli ospiti. Al rientro dalla pausa arriva un break di 5-0 che costringe coach Bernardi a chiamare time out dopo 1’30’’. La sua scossa porta i frutti sperati, perché dopo un controbreak di 5-0, Rimini vola sul 52-36 a suon di triple, con Simoncelli che è il gran mattatore. Partita finita? Assolutamente no, perché è proprio nelle difficoltà dove la Rekico trova la propria forza.

L’ultimo quarto è perfetto in difesa come dimostrano i soli 5 punti concessi, mentre l’attacco permette minuto dopo minuto di ricucire il gap. Iattoni dalla lunetta è glaciale con i liberi del 62-58 a 2’12’’ dalla fine poi sale in cattedra Testa. La sua prima tripla vale il 61-62 a 25’’ poi a 7’’ dalla fine firma la parità sempre dall’arco: 64-64. Rimini ha il possesso della vittoria, ma si infrange nella difesa di Iattoni: si arriva così al supplementare. Nell’overtime, la Rekico vola sulle ali dell’entusiasmo portandosi avanti 72-64 poi nel finale ha un piccolo calo di tensione che porta la Riviera Banca fino al 72-75 a 4’’. A regalare la quinta vittoria in sei gare è Iattoni dalla lunetta con il libero del 76-72.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Attualità

"Fellini Calls", successo per la tre giorni dedicata al regista premio Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento