Vince e passa il Grisignano, ma la Virtus Romagna è da applausi

La Virtus Romagna si può dunque dire pronta per questa avventura in Serie A2, come certifica l’entusiasmo e la voglia della coach Alessandra Imbriani

Finisce qui il percorso in questa prima Coppa Divisione nella storia della Virtus Romagna, con una sconfitta nel parziale pesante, arrivata contro una squadra di categoria superiore, ma che non deve ingannare: perché la Virtus Romagna ha giocato una partita di altissimo livello. Le ragazze di Imbriani, specialmente nel primo tempo, hanno giocato in maniera eccezionale, con personalità e carattere, da gruppo impavido e unito. Le virtussine sono state estremamente brave sia tatticamente che mentalmente, riuscendo più e più volte a mettere in difficoltà un avversario del livello del Real Grisignano.

Il primo tempo è combattuto e particolarmente piacevole da seguire. La Virtus gioca una frazione straordinaria, andando vicina al gol in diverse occasioni, in particolare quando può correre in transizione offensiva, dove la portiera avversaria è stata chiamata in causa con grandi parate. Le ospiti passano in vantaggio soltanto nei minuti finali della prima frazione, approfittando di una situazione un po’ rocambolesca che ha colto impreparate le ragazze della Virtus. Nella ripresa il Real Grisignano mostra tutta la propria maggiore qualità e la superiore preparazione atletica, travolgendo nei minuti iniziali dopo l’intervallo le avversarie.

Il campionato di A1 è già iniziato da una settimana e i ritmi a cui sono abituate a giocare le giocatrici della squadra vicentina: questo è evidente e la Virtus soffre inesorabilmente l’incredibile qualità individuale delle avversarie. Tuttavia, la squadra di Imbriani non abbandona mai la partita e la seconda metà della ripresa è gagliarda. Nonostante la stanchezza e la qualità delle avversarie, la Virtus non molla mai e raggiunge anche il gol grazie a Berti. Le occasioni per le padrone di casa sono molteplici: in particolare strozzano in gola l’urlo di gioia un clamoroso incrocio dei pali e il miracolo dell’estremo difensore veneto sul colpo di testa di Falcioni.

Al fischio finale il risultato recita 6-1 in favore del Real Grisignano, ma giustamente la Virtus Romagna torna negli spogliatoi con la consapevolezza di essere un grande gruppo. Questo match fa parte di un percorso più ampio di avvicinamento al campionato e il risultato conta il giusto: le giocatrici sono contente della loro prestazione, perché è evidente lo spirito di sacrificio e abnegazione da parte loro, cosa che mostra già da ora un’importante intesa di fondo. Le ragazze di Imbriani lottano l’una per l’altra e hanno dato dimostrazione di saper interpretare correttamente i match sia tatticamente che mentalmente. La Virtus Romagna si può dunque dire pronta per questa avventura in Serie A2, come certifica l’entusiasmo e la voglia della coach Alessandra Imbriani: "Non posso che fare un plauso alle mie ragazze per come abbiamo approcciato questo match oggi e questa fase iniziale di stagione. Settimana prossima inizia il campionato e, facendo un in bocca al lupo a tutte le nostre avversarie, posso assicurare che noi non vediamo l’ora di giocare. Per questa Serie A2 ci siamo".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stroncato da un malore durante la partita di calcetto muore a 28 anni

  • Risotto coi funghi velenosi: muore dopo una settimana di agonia

  • Il Cocoricò riapre le porte con un nuovo gestore: "Inaugureremo a Pasqua e ci saranno grandi eventi"

  • Valerio Braschi pronto ad aprire il suo ristorante: il campione di Masterchef cerca personale

  • Amazon a Santarcangelo, il colosso dell'e-commerce ha aperto i battenti

  • Il caffè troppo "nero" di un imprenditore: scoperta evasione per tre milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento