Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Coronavirus, il racconto di uno dei primi pazienti ricoverati: "Sono stato intubato, un'esperienza difficile"

Il ringraziamento di Cesare Sebastiani a medici e infermieri dopo la guarigione e il lungo periodo di cure prima in Rianimazione e poi in Lungodegenza

 

Sono parole piene di emozione e gratitudine quelle pronunciate dal feltrese Cesare Sebastiani, uno dei primi pazienti covid ricoverati in Romagna. E’ stato prima affidato alle cure dei medici di Rimini e poi a Novafeltria poi, dalla Rianimazione alla lungodegenza. Una toccante testimonianza che l’Ausl della Romagna ha raccolto in un video in occasione della Giornata Mondiale per la sicurezza delle cure e della persona assistita.

"Ringrazio il mio medico di famiglia per la tempestività, ha chiamato subito Rimini per farmi venire a prendere a Novafeltria. Sono stato poi intubato e quando mi sono svegliato ho visto vicino a me due fisioterapiste, avevano gli occhi lucidi", racconta Sebastiani. "Avevo passato questo brutto momento. I medici dicevano 'dai che ce a facciamo', mi hanno agevolato, mi hanno protetto tutti, dalle donne che si occupano delle pulizie ai primari, prima a Rimini e poi a Novafeltria, fino a quando sono risultato negativo".

Sebastiani lascia spazio anche a una nota più leggera, raccontando che ha mangiato benissimo in ospedale, "dal primo al dolce e quando sono tornato a casa ho detto a mia moglie che volevo continuare così. Devo recuperare dieci chili, adesso peso 60 chili".

Sebastiani infine ricorda le tre regole basilari per proteggere se stessi e gli altri: "Portare la mascherina, lavarsi le mani e mantenere la distanza di sicurezza".

Copyright 2020 Citynews

Potrebbe Interessarti

Torna su
RiminiToday è in caricamento