Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Catturata la banda del bancomat, ecco come facevano esplodere gli sportelli automatici

Un bottino da oltre 100mila euro per i malviventi arrestati dai carabinieri di Ravenna, colpi in tutta la Romagna

Si è concluso con l'arresto di 8 persone l'indagine dei carabinieri del Comando provinciale di Ravenna che, a cavallo del 27 gennaio, hanno catturato i componenti della banda del bancomat autori di diversi colpi esplosivi messi a segno in tutta la Romagna con la tecnica della "marmotta" e che hanno fruttato un bottino di oltre 100mila euro. A finire in carcere sono stati un 33enne di Rimini e 7 foggiani, di cui uno residente nel modenese, tra i 30 e i 49 anni tutti già noti alle forze dell'ordine per reati specifici. L'inchiesta dei militari dell'Arma era iniziato lo scorso 4 luglio quando, in seguito a un attacco esplosivo ai danni di uno sportello automatico di San Pietro in Vincoli, gli inquirenti riuscirono ad identificare il veicolo con il quale i malviventi erano giunti nei pressi dell’obiettivo. Si è così iniziato a stringere il cerchio sui componenti della banda fino a quando, lo scorso 12 settembre, 6 erano stati arrestati in flagranza a Rimini dopo una folle fuga in seguito a un tentato colpo alla banca di Credito Cooperativo ravennate e forlivese di Mezzano seguito all'esplosione di un bancomat nella stessa località.

In quella occasione erano stati sequestrati gli  attrezzi da scasso, centraline per il furto di veicoli, abbigliamento vario atto al travisamento, nonché recuperata e restituita la somma di circa 8mila euro. Il proseguo delle indagini ha permesso di addebitare agli 8 sette colpi, tra messi a segno e tentati, nel corso del 2020. In particolare quello del 18 gennaio a Mensa Matellica dove erano stati rubati 11mila euro alla Cassa di Risparmio di Ravenna, sempre allo stesso istituto di credito ma nella filiale di San Zaccaria era stato tentato un colpo il 20 giugno. In questa occasione, essendo andato male il primo tentativo, i malviventi si erano trasferiti a Cesena prendendo di mira lo sportello automatico della Bper con un bottino da 45mila euro. Il 4 luglio, a San Pietro in Vicoli, era stata la volta del Credito coop. ravennate e imolese dove erano stati rubati 18mila euro. Il 22 luglio era toccato alla filiale della Banca Malatestiana di Coriano con un bottino da 8500 euro. Doppio colpo il 12 settembre a Mezzano dove avevano tentato una prima esplosione al Credito coop. ravennate e imolese per poi passare all'Unicredit dove erano riusciti a impossessarsi di 8mila euro.

Copyright 2021 Citynews

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Catturata la banda del bancomat, ecco come facevano esplodere gli sportelli automatici

RiminiToday è in caricamento