Nicola Piovani in concerto con "musica pericolosa"

Il premio Oscar Nicola Piovani inaugura domenica 10 luglio la settima edizione del "San Leo Festival", prestigiosa rassegna musicale ideata e curata dal M° Stefano Cucci. Il 10 luglio nella suggestiva cornice di Piazza Dante, incastonata fra la Pieve Romanica ed il Palazzo Mediceo, lo spettacolo dal titolo "La musica è pericolosa" avrà come protagonista Piovani ed il suo quintetto.
Piovani racconterà attraverso un percorso fra le sue più famose colonne sonore del cinema e del teatro, la propria esperienza di musicista ed il valore straordinario della musica, cassa di risonanza delle nostre emozioni, come potente affabulatrice e straordinario mezzo di comunicazione e di liberazione in una società che sempre più ha bisogno di bellezza e di fantasia.
La musica è pericolosa perché va al cuore specie quando risuona fra umori notturni e chiarori lunari.
 
Il 20 luglio il secondo concerto, vedrà in scena l’Orchestra di Piazza Vittorio, uno dei gruppi musicali più amati degli ultimi anni.
Con l’Orchestra, composta da musicisti straordinari provenienti da diverse culture extraeuropee e con strumenti musicali multietnici, l’originale Ensemble fondata da Mario Tronco proporrà il Credo, un oratorio interreligioso su testi di Padre Mendonca.
Un avvincente cammino nella spiritualità dove canti della tradizione sufi e della cultura africana si alterneranno a rielaborazioni di celebri brani della cultura musicale occidentale in un riuscitissimo percorso che incanta lo spettatore e lo trasporta in una meditazione multisensoriale fatta di immagini, di suoni, di parole nel comun denominatore della fede universale che testimonia la fratellanza degli uomini.

Il 25 luglio il terzo concerto nel Palazzo Mediceo, avrà come protagonista l’Ensemble Musica d’Oggi, uno dei più prestigiosi gruppi strumentali dediti alla musica del ‘900 e contemporanea. L’Ensamble, diretto dal giovane Michele Reali proporrà un programma di grande interesse: la Suite op.1 di Nielsen, un brano di Marcello Panni tratto dal Garibaldi, un fascinoso brano per archi di Ada Gentile e la bellissima Apalachian Spring di Aron Copland, uno dei brani più amati dal pubblico di tutto il mondo.

Il 6 agosto, nella suggestiva cornice  del  Duomo, chiuderà  la  rassegna l’Ensemble Pentarte diretto da Stefano Cucci.
Il programma  spazia da due classici della musica italiana  del ‘900  Casella e Petrassi a Ennio Morricone che sarà presente in sala con il suo Epitaffi  Sparsi ed Albino Taggeo con Oniride  per archi, fiati, pianoforte e due soprani in prima esecuzione assoluta.       

Un Festival, questo dell’edizione 2016, ricco di importanti eventi ed aperto sia alla musica colta con particolare attenzione al ‘900 storico sia ad esperienze diverse come la musica per il cinema e la musica multietnica a testimonianza della vitalità che questa rassegna, nata nel 1985 per opera del suo attuale Direttore Artistico Stefano Cucci, continua ad avere nel panorama culturale della riviera adriatica.
 
L’edizione del 2016 del San Leo Festival sarà arricchita dalla presenza in cartellone di cinque Corsi  di alto perfezionamento che si svolgeranno dal 3 luglio al 16 agosto.
Informazioni e  prevendita dei biglietti presso l’ Ufficio Turistico I.A.T.: Telefono 0541/ 926967.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Fellini 100, la grande mostra a Castel Sismondo

    • dal 14 dicembre 2019 al 13 aprile 2020
    • Castel Sismondo
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Giorgio Panariello in scena al Galli con il nuovo show "La favola mia"

    • 7 aprile 2020
    • Teatro Galli
  • Apre la nuova stagione teatrale al Pazzini di Verucchio

    • fino a domani
    • dal 9 novembre 2019 al 3 aprile 2020
    • Teatro Pazzini di Verucchio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento