Al Teatro della Regina "Fine Famiglia" della compagnia milanese Anima Nera

Dopo due appuntamenti cinematografici, martedì tocca al teatro con la Compagnia milanese Anima Nera che presenta Fine Famiglia, ‘commedia nera dall’inferno della famiglia’, scritta brillantemente da Magdalena Barile e ottimamente recitata dagli attori diretti da Aldo Cassano. E’ la storia di una famiglia italiana nella sua più dannosa e nefasta accezione, dove l’esaurimento degli errori possibili non lascia più spazio alle relazioni umane.
 Fine Famiglia è un rito natalizio di separazione. Una festa che si celebra per la fine di un’istituzione, la famiglia italiana, votata al fallimento; un luogo asfittico dove per quanto si aprano le finestre, l’aria resta intrisa di sugo e rancore. “Il testo, costruito intorno a un'idea intelligente, quella di un rito del disfacimento, di una cena di Natale dell'addio, è ferocemente brillante, gioca con arguzia sui luoghi comuni e non lesina le battute esilaranti… E lo spettacolo, realizzato da una compagnia che di solito si dedica a provocatorie performance, è aguzzo e raffinato, e intreccia abilmente la recitazione con l'azione fisica, spinta quasi ai confini di uno stralunato balletto.” (Renato Palazzi). Ingresso 7 euro.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Fiera di San Martino, torna la "festa dei becchi" e il palio della piadina

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 9 al 11 novembre 2019
    • centro storico di Santarcangelo
  • Calcutta sceglie San Marino per dare il via al suo tour europeo

    • 19 novembre 2019
    • Teatro Nuovo di San Marino
  • Fiera del formaggio di fossa: si degusta "l'Ambra di Talamello"

    • dal 16 al 17 novembre 2019
  • Al Fulgor omaggio a Fellini con le proiezioni di Amarcord: tornano le serate evento

    • dal 15 ottobre al 3 dicembre 2019
    • Cinema Fulgor
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento