menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manovra, lacrime e sangue per i cittadini: Imu, pensioni e Iva

La manovra incombe sulle teste, e più che altro sui portafogli dei cittadini. Sotto le lente di ingrandimento le reintroduzione dell'Ici, che cambia di fatto il nome in Imu (imposta municipale unica). Dal primo gennaio 2012 si paga

La manovra incombe sulle teste, e più che altro sui portafogli dei cittadini. Sotto le lente di ingrandimento le reintroduzione dell'Ici, che cambia di fatto il nome in Imu (imposta municipale unica). Dal primo gennaio 2012 si paga: la tassa viene calcolata su un'aliquota base che sarà del 7,6 per mille che i Comuni possono aumentare o diminuire del 3 per mille. Per i proprietari di una sola casa ci sarà una detrazione di 200 euro. Focus anche sulle pensioni.

Cosa cambia? Tutto. Sulle pensioni di anzianità, per chi è in regola con i contributi, non bastano più i 40 anni, ma  42 anni e un mese  nel caso degli uomini e 41 anni e un mese per le donne. Abolita la finestra di uscita. Per le pensioni di vecchiaia sale già dal 2012 da 60 a 62 anni l'età per la rendita di vecchiaia per le donne lavoratrici del settore privato. Nel 2018 per ambo i sessi l'età pensionabile sarà di 66 anni. Per quanto riguarda la rivalutazione delle pensioni, riguarderà solo le minime nella fascia tra 396 e 496 euro al mese nella fascia successiva.

Altra stangata annunciata: un ulteriore aumento dell'Iva, già portata dal governo Berlusconi di dal 20% al 21%, salirà al 23% dal secondo semestre del 2012.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Ecco i 3 momenti della vita in cui si ingrassa di più

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento