menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via libera dalla Camera allo Statuto delle imprese

Ora le imprese piccole, piccolissime e medie possono contare su una legge su misura, un supporto concreto in questa fase di crisi: martedì la Camera ha dato il via libera all’approvazione dello Statuto delle imprese

Ora le imprese piccole, piccolissime e medie possono contare su una legge su misura, un supporto concreto in questa fase di crisi: martedì la Camera ha dato il via libera all’approvazione dello Statuto delle imprese. La legga va nella direzione dello Small Business Act europeo, ed è una legge che vara misure a sostegno per le piccole e medie imprese italiane.

Il Partito democratico ha votato a favore, la legge è stata approvata all’unanimità: “Questo è un risultato di tutto il Parlamento, fortemente voluto anche da noi, e non solo dalla maggioranza al Governo; un risultato arrivato a conclusione di un percorso durato oltre un anno, a cui abbiamo contribuito fattivamente in Commissione Attività produttive”, racconta Elisa Marchioni, che della Commissione è membro-, “migliorando il testo iniziale con una serie di nostre proposte, approvate in commissione e in aula, misure a sostegno delle imprese piccole e medie che costituiscono l’ossatura dell’economia italiana, più del 94% della produzione”.

“Lo sappiamo bene anche a Rimini, con un tessuto imprenditoriale di oltre 34mila piccole aziende. Questa legge è su misura per sostenere gli imprenditori che creano ricchezza e danno lavoro, rischiando in prima persona”, continua la deputata riminese “Ora, la legge passerà per l’approvazione definitiva in Senato, vi sono una serie di provvedimenti concreti; poi, il prossimo passo davvero urgente per cui mi impegnerò in prima persona, è il recepimento della Direttiva europea sul ritardo dei pagamenti della Pubblica amministrazione. Se il Parlamento viene messo nelle condizioni di lavorare, questa è la prova che può approvare leggi utili all’economia del Paese.”


“Dichiarare che l’unico modo per far crescere le imprese e l’economia è modificare l’art. 41 della Costituzione è fare propaganda. Invece, proporre leggi che sappiano cogliere le esigenze dei piccoli e medi  imprenditori italiani, è fare qualcosa che cambia le regole del gioco a vantaggio dei tanti piccoli che finora hanno affrontato la crisi da soli.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento