Bellezza e verità al liceo Volta Fellini di Riccione

Attraverso un ciclo di conferenze prestigioso al liceo Volta Fellini di Riccione si riflette sul nesso tra bellezza e verità. Un tema che mette insieme le due anime della scuola (artistica e scientifica), alla ricerca di una prospettiva unitaria che le diverse discipline, pur nella loro specificità, possono rivelare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

Dopo il primo prestigioso appuntamento con il prof. Lucio Rossi (CERN di Ginevra), il liceo Volta Fellini di Riccione torna ad interrogarsi intorno al nesso tra Bellezza e Verità, titolo di un ciclo di conferenze che intende far emergere le due anime del liceo (costituito da un indirizzo scientifico ed un indirizzo artistico). Si intende così indagare e ricercare quell’unità del sapere che, pur nella distinzione dei linguaggi, si cela nei due differenti approcci di studio della realtà.

Mercoledì 13 gennaio, alle ore 11, sarà la volta del prof. Ferri, (università di Rimini), il quale terrà una conferenza intorno al tema “L’abuso della bellezza: un percorso nell’arte del XX secolo”. Si entrerà dunque all’interno della dinamica più precisamente estetica del tema, dopo averne sviscerato l’aspetto scientifico, grazie alla conferenza del prof. Lucio Rossi, dal titolo “La bellezza dell’infinitamente piccolo”, tenutasi il 21 dicembre scorso. Incontro prestigioso, si diceva, giacché Rossi  è stato responsabile dal 2001 al 2011dei magneti superconduttori di LHC, mentre dal 2010 dirige il progetto "alta luminosità" (che dovrebbe aumentarne in modo eclatante le potenzialità), ovvero i laboratori ben noti per la scoperta del Bosone d Higgs e tuttora in continua ricerca delle componenti più misteriose della materia. Il prof. Rossi, in sostanza, ha descritto il lavoro del CERN (peraltro il liceo organizza da anni viaggi d’istruzione a Ginevra), le problematiche affrontate in questi ultimi anni, ma anche le motivazioni personali ed il fascino di questa ricerca. 

Rossi ha anche rivelato in anteprima l’ultima frontiera su cui, proprio la settimana precedente la conferenza, sono emersi dati sperimentali: nuovi segnali, grazie al potenziamento dell’acceleratore LHC (Large Hadron Collider) del CERN, che, se confermati, potrebbero fornire ulteriori indicazioni sull’origine della materia ordinaria e sulla composizione della misteriosa materia oscura che sappiamo esistere, ma sulla cui natura non disponiamo di alcuna conoscenza consolidata.

La conferenza sarà presto fruibile per tutti sul sito del liceo (www.liceovoltariccione.it). 

Con il prof. Ferri, mercoledì prossimo, si parlerà di arte e bellezza, un rapporto oggi non così scontato. 

Il ciclo si concluderà poi, per questo anno scolastico, il primo aprile, con una conferenza di filosofia. Il prof. Costantino Esposito (università di Bari) tratterà il valore conoscitivo della bellezza, ovvero “L’esperienza del bello come principio di conoscenza”. 

Approfondimenti importanti per gli studenti dei due indirizzi del liceo, che hanno così l’opportunità di incontrare le indagini e le problematiche più attuali e stimolanti di quegli studi che essi stessi coltivano quotidianamente ogni mattina in classe.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento