Commercio estero, in flessione le esportazioni delle aziende riminesi

Diminuisce il valore del prodotto, a farne le spese è soprattutto il comparto del tessile abbigliamento

Nel 1° trimestre 2019, nel sistema aggregato Romagna - Forlì-Cesena e Rimini, le esportazioni ammontano a 1.506 milioni di euro mentre le importazioni raggiungono quota 717 milioni di euro; il saldo commerciale (differenza tra esportazioni e importazioni) risulta pertanto positivo: +789 milioni di euro.Nel  confronto con il 1° trimestre 2018 si riscontra un incremento delle importazioni del 2,5% e delle esportazioni dell’1,2%; positiva la crescita dell’export, anche se di lieve entità, inferiore però alla variazione regionale (+5,0%) e nazionale (+2,0%). Nel medio periodo, considerando il primo trimestre degli ultimi cinque anni (dal 2014), si tratta dell’incremento annuo più basso. Nel dettaglio, aumenta il valore esportato dei principali prodotti: +4,8% per i macchinari ed apparecchi meccanici (19,3% del totale export, primo prodotto), +8,9% per i prodotti in metallo (12,1%), +4,6% per gli apparecchi elettrici ed apparecchiature elettroniche (8,5%), +13,3% per alimentari e bevande (7,7%) e +16,3% per i prodotti dell’agricoltura (6,1%); in calo, invece, i prodotti dell’abbigliamento (11,7% dell’export), del 14,6%, e gli articoli in pelle e calzature (7,0%), del 6,4%. In crescita le esportazioni verso la principale area geografica rappresentata dalla UE: +6,2% (61,8% del totale export); in diminuzione i flussi verso l’America settentrionale (-4,6%, 9,4%), verso i Paesi europei non UE (-9,8%, 8,7%) e i Paesi dell’Asia orientale 
(-10,5%, 8,4%).
 
“I dati dimostrano che il nostro sistema produttivo è solido e in grado di approcciare i mercati esteri, nonostante uno scenario internazionale complesso e caratterizzato da spinte protezionistiche – dichiara Alberto Zambianchi, presidente della Camera di commercio della Romagna -. Il supporto all’internazionalizzazione delle imprese è una linea strategica dell’ente e il nostro impegno è concreto e costante per offrire servizi, contributi e attività di formazione rivolti, sia alle imprese che già operano in maniera strutturata, sia alle imprese che intendono avviare e sviluppare rapporti con l’estero”.
 
Commercio Estero delle imprese: focus provinciale Rimini
Nel 1° trimestre 2019 in provincia di Rimini le esportazioni ammontano a 607 milioni di euro mentre le importazioni raggiungono quota 244 milioni di euro; il saldo commerciale (differenza tra esportazioni e importazioni) risulta pertanto positivo: +363 milioni di euro. Nel confronto con il 1° trimestre 2018 si riscontra un decremento delle importazioni del 3,2% e delle esportazioni dell’1,6%; risultato negativo, quindi, per l’export, contrariamente alla variazione positiva regionale (+5,0%) e nazionale (+2,0%). Tale variazione negativa fa seguito alla variazioni annue decisamente positive riscontrabili nel primo trimestre dei tre anni precedenti. In sintesi, in provincia di Rimini si concentra il 3,8% del totale dell’export dell’Emilia-Romagna (ultima posizione) mentre, tra le province regionali, solo Rimini e Ferrara fanno segnare dinamiche negative.

La flessione dell’export è dovuta soprattutto alla decisa diminuzione del valore esportato del principale prodotto rappresentato dagli articoli di abbigliamento (26,1% del totale export): -15,0%; -2,8% anche per gli apparecchi elettrici ed apparecchiature elettroniche (6,8%), -9,3% per i mezzi di trasporto (6,1%), a causa soprattutto di navi e imbarcazioni (-9,0%). In crescita, invece, i macchinari ed apparecchi meccanici (26,1% del totale export, al pari dell’abbigliamento), del 6,7%, i prodotti in metallo (10,0%), del 20,3%, e alimentari e bevande (8,2%), del 17,9%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La contrazione delle esportazioni non incide, comunque, sul flusso commerciale verso la principale area geografica, che risulta in crescita: +1,3% per i Paesi dell’Unione Europea, che rappresentano il più importante mercato di sbocco (56,9% del totale export), grazie in particolare al Regno Unito (+25,3%) e, secondariamente, alla Germania (+0,4%), mentre diminuisce l’export verso la Francia (-6,1%); a seguire, +4,6% per i Paesi dell’Asia orientale (9,6%). Calano, invece, le esportazioni verso l’America settentrionale (12,7% del totale), dell’11,3, causa flessione degli Stati Uniti (-8,8%, primo Paese mondiale), e verso i Paesi Europei non UE (10,7%), del 10,9%.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vittima dei truffatori: "Mi sono fatto fregare da una banda di quaquaraquà"

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Coronavirus, i contagi tornano a salire: 12 nuovi casi

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

Torna su
RiminiToday è in caricamento