Allo Snaporaz cucinano "storia" e couscous

Ironia e gusto sono serviti al Salone Snaporaz, che martedì 16 febbraio ospita il Teatro dell Ariette con "Io, il couscous e Albert Camus". A Cattolica va in scena il viaggio di formazione di un giovane diciassettenne dall'Italia all'Algeria, nuovo appuntamento della rassegna Snaporaz d'Essai. 

Una piccola odissea attraverso la storia narrata agli spettatori seduti intorno a un tavolo in attesa di gustare uno squisito e fumante couscous vegetariano cucinato in diretta  dagli attori  del Teatro delle Ariette: Paola Berselli, Stefano Pasquinie Maurizio Ferraresi,  noti al pubblico per la loro abilità nel coniugare performance e cibo.  "Abbiamo  deciso – spiega  Stefano Pasquini - di  fare questo spettacolo per parlare dell'oggi. E per parlare dell'oggi abbiamo pensato di raccontare una storia di molti anni fa, quando avevo 17  anni".

Fulcro della pièce la storia di formazione di un adolescente affamato di conoscenza che, seguendo l'amore, arriva in Francia dove è accolto da una famiglia di spagnoli, fuggiti in Algeria alla fine della Guerra Civile e arrivati in Francia per sfuggire alla Guerra di Indipendenza algerina. "I  pochi mesi  dell'estate del 1978 mi hanno fanno incontrare in un lampo 50 anni di cultura di storia del Mediterraneo - racconta Paquini -. L'incontro con  l'amore mi  ha  aperto  le strade della conoscenza, mi ha fatto mangiare per la prima volta il couscous e mi ha fatto scoprire ‘Lo straniero’ di Albert Camus, un libro che mi ha cambiato la vita e mi ha messo di fronte all'eterno conflitto tra uomo naturale e uomo sociale".
La ricerca del nuovo ed il passaggio all'età adulta non avverranno tuttavia solo attraverso l'inchiostro e la lettura, ma anche tramite il cibo, uno in particolare: il couscous. Questo piatto tradizionale, in quanto simbolo di una cultura, contribuirà a nutrire la   crescita   del   giovane protagonista, conducendolo a scoprire una realtà completamente estranea alla sua, composta da altri sapori, odori, da un'altra storia, da un altro presente. Uno spettacolo per tutti coloro che sono affamati di cibo e di vita. 

I posti sono limitati, è consigliata la prenotazione. Inizio alle 21; ingresso e cena a base di cous cous 15 euro.

Info biglietteria e prenotazioni: ufficio Cinema Teatro 0541 966778.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Maria Costantini voce di Euridice alle grotte monumentali di Santarcangelo

    • solo domani
    • 18 ottobre 2020
    • grotte monumentali
  • Mentre vivevo, torna la rassegna teatrale tra burattini e film d'animazione

    • dal 11 ottobre al 8 dicembre 2020
    • Sala Teatro del Centro Sociale Poggio Torriana
  • Al via la nuova stagione di opera lirica, musica e cinema al Tiberio

    • dal 15 al 20 ottobre 2020
    • Cinema Teatro Tiberio

I più visti

  • A bordo del treno a vapore per fare tappa alla sagra delle castagne di Marradi

    • 25 ottobre 2020
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • I mercatini nella Perla Verde: tutti gli appuntamenti

    • Gratis
    • dal 30 giugno al 17 ottobre 2020
    • sedi varie (vedi gli appuntamenti settimanali)
  • Il Tartufo bianco è protagonista a Sant'Agata Feltria ogni domenica di ottobre

    • Gratis
    • dal 4 al 25 ottobre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento