Anamorfòsi, in mostra l'uomo e la natura

Il 26 maggio, alle 17, inaugura nella sala del Durantino, nella Rocca Malatestiana, la personale di Gianni Calcagnini dal titolo  "Anamorfòsi", dedicata al rapporto tra la Natura e l'Uomo. Saranno presenti l'autore e l'operatore di cultura fotografica Marcello Sparaventi, presidente dell'associazione Centrale Fotografia (Fano).

 Gianni Calcagnini è un autore poliedrico, pittore, scultore, autore di installazioni, land-art. Nasce a Fano nel 1943 ma a 15 anni si trasferisce in Svizzera. Nel 1969 torna a Pesaro e poco dopo si stabilisce a Mondaino, sul confine tra Marche e Romagna. Nel 1968 si reca in Iran, per uno dei suoi numerosi viaggi, dove approfondisce la conoscenza di usi e costumi locali, scoprendo lo stretto rapporto dell’uomo con la natura. Negli anni successivi prosegue i suoi viaggi, stabilendo relazioni artistiche in Spagna, Stati Uniti e Messico.

 Mentre si dedica all’arte, si occupa di agricoltura biologica.

 Le sue opere mostrano le influenze raccolte in tutti questi viaggi, nei colori, nella tecnica, nei temi trattati dalle sue opere. I suoi quadri invitano a riflettere sulla natura, sul ruolo dell’uomo nei suoi confronti, sulla civiltà che si trasforma.  Dal 2000, Calcagnini realizza prevalentemente sculture e installazioni, anche di grandi dimensioni, alcune delle quali si possono ammirare percorrendo le strade di confine tra la Valconca e il Montefeltro. Una, dal nome di Gaia, è particolarmente grande, occupando una superficie di 120x180 metri: si tratta di una figura femminile realizzata piantando alberi lungo un pendio, una Donna che cresce e si modifica nel tempo. E’ persino visibile dal satellite e, se avrete la pazienza di trovarla su Google Maps, potrete anche vedere come si è evoluta nel corso di oltre 20 anni.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Moda, potrebbe interessarti

I più visti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • A Riccione parte il ciclo di conversazioni di "Arte e moda. Dialogo nel tempo"

    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 29 novembre 2020
    • Palazzo del Turismo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento