Tre corpi maschili per le tre Grazie di Silvia Gribaudi

  • Dove
    L'Arboreto Teatro Dimora
    Indirizzo non disponibile
    Mondaino
  • Quando
    Dal 04/11/2018 al 04/11/2018
    17:00
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Domenica 4 novembre alle ore 17 a L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino Silvia Gribaudi presenta una prova aperta al pubblico a ingresso gratuito di Graces la sua nuova creazione di che debutterà nel 2019. Il progetto è ispirato all’opera Tre Grazie di Antonio Canova e riprende il mito delle tre figlie di Zeus che diffondevano splendore, gioia e prosperità nel mondo umano e naturale. In questo caso, in scena insieme a Silvia, ci sono tre corpi maschili, i tre performer Andrea Rampazzo, Matteo Marchesi, Siro Guglielmi.
Durante la residenza creativa (dal 24 al 7 novembre) è stato portato avanti anche un percorso laboratoriale che ha visto la partecipazione delle comunità del territorio: un’occasione per confrontarsi con i temi della bellezza e della grazia e per sperimentare, con leggerezza e humor, le potenzialità espressive e creative del movimento. In questa apertura pubblica Silvia farà incontrare il lavoro svolto in residenza con i suoi danzatori con quello fatto con i partecipanti al laboratorio, che saranno quindi presenti in scena. Al termine, incontro con la coreografa a cura di Francesca Giuliani e piccolo convivio.

Negli ultimi dieci anni Silvia Gribaudi si è interrogata sugli stereotipi di genere, sull’identità del femminile e sul concetto di virtuosismo nella danza e nel vivere quotidiano, andando oltre la forma apparente, cercando la leggerezza, l’ironia e lo humour nelle trasformazioni fisiche, nell’invecchiamento e nell’ammorbidirsi dei corpi in dialogo col tempo.
GRACES debutterà nel 2019 ed è un progetto ispirato all’opera Tre Grazie che Antonio Canova realizzò tra il 1812 e il 1817. L’opera riprende il mito delle tre figlie di Zeus: Aglaia, Eufrosine, e Talia, le tre divinità benefiche che diffondevano splendore, gioia e prosperità nel mondo umano e naturale. In questo caso sono in scena 3 corpi maschili, 3 danzatori dentro ad un’opera scultorea che simboleggia la bellezza in un viaggio di abilità e tecnica che li porta in un luogo e in un tempo sospesi tra l’umano e l’astratto, dove il maschile e il femminile si incontrano, lontano da stereotipi e ruoli, liberi, danzando il ritmo stesso della natura.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Mentre vivevo, torna la rassegna teatrale tra burattini e film d'animazione

    • dal 11 ottobre al 8 dicembre 2020
    • Sala Teatro del Centro Sociale Poggio Torriana
  • Teatro Pazzini, riparte la stagione tra comicità, musica e prosa

    • dal 7 novembre al 19 dicembre 2020
    • Teatro Pazzini

I più visti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • A Riccione parte il ciclo di conversazioni di "Arte e moda. Dialogo nel tempo"

    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 29 novembre 2020
    • Palazzo del Turismo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento