L'Indiana Jones del Riminese è una ragazza: "Dagli studi sui fossili del Marecchia agli scavi in Giordania"

L'archeologa sarà impegnata per due anni all'estero con il ruolo di responsabile sul campo ed esperta di materiali

L'archeologa Sara Fabbri

I viaggi nel passato sono la specialità di Sara Fabbri, l'archeologa 25enne di Poggio Torriana che si sta affermando nel mondo dell'archeologia. Laureata in Archeologia e culture del mondo antico all'Università di Bologna ora frequenta la Scuola di Specializzazione in Beni archeologici a Roma. Sara ha studiato in questi anni anche i fossili del fiume Marecchia e adesso prenderà parte ad un progetto di scavo e valorizzazione in Giordania, nella città di Madaba. Un lavoro che la vedrà impegnata per ben due anni, in qualità di responsabile sul campo ed esperta di materiali.

Sara ha raccontato la sua storia anche a “Storie e Vite di Poggio Torriana”, rubrica del Comune dedicata alle storie di vita dei Poggiotorrianesi. "questa volta a raccontarsi con generosità è Sara Fabbri che grazie alla sua passione, alla sua curiosità ed impegno negli studi, ha avuto la possibilità di viaggiare per lavoro in molti Paesi e la sua prospettiva è sia locale che internazionale - afferma l'assessore Francesca Macchitella - Anche lei rappresenta un esempio positivo per i giovani alla ricerca della propria strada formativa e del proprio posto nel mondo. Ritengo che la raccolta e la promozione di storie dei nostri concittadini sia una iniziativa esemplare in quanto il sito web di un piccolo Comune sta offrendo un efficace strumento di valorizzazione della comunità e di creazione di nuovi contenuti partecipativi. E’ mia intenzione ampliare il ventaglio delle esperienze narrate a soggetti più adulti, ad anziani, a nuovi cittadini provenienti da altre nazioni, cercando di riallacciare i fili dei rapporti tra vicini di casa e tra frazioni, sperimentando un microprogetto etnografico".

La storia di Sara Fabbri

"A differenza di molti miei colleghi, non ho sempre voluto fare questo fin da bambina. O almeno, non era così chiaro. Non sono stata colpita nè da Indiana Jones, nè da Jurassic Park - racconta Sara - Ci sono state, però, delle esperienze che ricordo con molto affetto, soprattutto alle elementari. Come quel giorno in cui i maestri ci hanno portati al fiume Marecchia a cercare i fossili con un archeologo. Chi poteva immaginare che dopo tanti anni mi sarei laureata proprio su ciò che ha generato quel fiume?".

Sara ricorda che "Nel frattempo ho coltivato diverse passioni, compresa quella per l'arte. La scintilla è scattata soltanto all'università, quando mi sono iscritta alla facoltà di Beni Culturali a Ravenna. Non avevo ancora le idee chiare e ho scelto un indirizzo che mi permettesse di avere più opportunità di scelta: archeologia, storia dell'arte, storia o archivistica. D'altronde non avendolo mai fatto prima, non sapevo cosa aspettarmi da uno scavo archeologico. La mia prima campagna di scavo è stata nel Luglio 2014, alla basilica di San Severo a Classe. E lì ho capito che era proprio quello che volevo fare.  Negli anni successivi ho continuato a fare quante più esperienze possibili negli scavi didattici con l'università di Bologna e di Perugia. Ho avuto anche la fortuna di partecipare a diverse missioni italiane all'estero. Sono stata per due volte in Albania, prima a Phoinike e poi a Butrinto, e a Burnum, in Croazia".

Successivamente si è laureata in aureata in Archeologia e culture del mondo antico all'Università di Bologna e ora frequenta la Scuola di Specializzazione in Beni archeologici a Roma. "Completare il percorso di studi in archeologia non è semplice, richiede tanto tempo, tanto impegno e tantissima passione. Soprattutto se si considera che alla fine, in Italia, non esista un albo di riconoscimento per la figura professionale degli archeologi. Tuttavia, traendo le somme di questo percorso, che ancora è soltanto all'inizio, mi ritengo molto soddisfatta. Un mese dopo la laurea magistrale ho iniziato a lavorare per una cooperativa archeologica del riminese. Ad oggi collaboro anche con Castrum, un'associazione culturale che ha sede in Umbria. Prenderò parte ad un progetto di scavo e valorizzazione in Giordania, presso la città di Madaba, della durata di due anni, in qualità di responsabile sul campo ed esperta di materiali. Il progetto è promosso dal governo Giordano e dall'università degli studi di Perugia in collaborazione con la cooperazione internazionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sara Fabbri chiosa il suo racconto con un augurio per i giovani: "Spero che questa mia esperienza sia di stimolo e d’incoraggiamento anche per tanti altri giovani che stanno inseguendo le loro passioni. E spero vivamente che non si fermeranno davanti al primo "non troverai mai lavoro". Ovviamente, questo mio percorso è stato appoggiato dai miei genitori, che non posso fare altro che ringraziare per tutto il supporto che mi hanno dato in questi anni. Immagino che da genitore non sia facile vedere il proprio figlio che sceglie una strada così tanto "diversa" dalla quotidianità. Queste preoccupazioni non me le hanno mai fatte pesare e anzi, sono sempre stati i primi a fare il tifo per me. Ogni volta che mi vengono a trovare su un cantiere vedo la soddisfazione nei loro occhi e questo mi rende più che felice e mi sprona ulteriormente a continuare questa strada".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Lo storico negozio annuncia la sua chiusura sui social dopo 54 anni di attività

  • Regolamento di conti per droga sfocia in tentato omicidio: giovane lotta per la vita, due arresti

  • Fare la spesa, dove si risparmia a Rimini

  • Assalto esplosivo al bancomat, danni al Comune: "Uno scenario da guerra"

  • Coronavirus, in quarantena due classi di un liceo riminese: slitta l'inizio della scuola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento