rotate-mobile
Cronaca

Campi sui beni confiscati alle mafie per giovani: opportunità di formazione e volontariato

Offre un’esperienza unica di formazione e volontariato presso il bene confiscato di Sessa Aurunca, in provincia di Caserta, gestito dalla Cooperativa Al di là dei Sogni

Lunedì 15 aprile si apriranno le iscrizioni per i giovani della provincia di Rimini, tra i 14 e i 25 anni, interessati a partecipare al Campo sui beni confiscati alle mafie. Questa iniziativa, che arriva al decimo anno, è promossa dai Centri Giovani RM25 di Rimini e di Cattolica, offre un’esperienza unica di formazione e volontariato presso il bene confiscato di Sessa Aurunca, in provincia di Caserta, gestito dalla Cooperativa Al di là dei Sogni. Il campo si svolgerà dal 15 al 20 luglio 2024 e sarà completamente gratuito per i ragazzi e le loro famiglie.

Tale opportunità, promossa dalle Associazioni Sergio Zavatta Onlus e Aps Malatempora, è possibile grazie ai contributi ottenuti dai Piano di Zona di Rimini (PAA 2023, all’interno del Progetto RM25), grazie alla collaborazione e patrocinio del Comune di Santarcangelo di Romagna e grazie a un progetto promosso dalla Regione Emilia Romagna, dal Comune di Cattolica e dall’Unione della Valconca.

L’iniziativa rientra all’interno di "E!state Liberi", il progetto di Libera contro le mafie finalizzato alla valorizzazione e alla promozione del riutilizzo sociale dei beni confiscati e sequestrati alle mafie, nonché alla formazione dei partecipanti sui temi dell'antimafia sociale e alla conoscenza dei territori coinvolti, attraverso una settimana di vita di campo, immersi in esperienze di impegno sociale ed approfondimento.

Sul bene confiscato “Alberto Varone” di Maiano di Sessa Aurunca, i giovani, accompagnati dagli educatori dei Centri Giovani, avranno l’opportunità di immergersi nella vita e nelle attività di riutilizzo sociale del bene confiscato, saranno coinvolti nelle attività di agricoltura sociale e di gestione del gruppo di convivenza dedicato a persone provenienti dall’area del disagio psico-sociale.

Attraverso esperienze concrete di impegno sociale e collaborazione con attori della rete di Libera, i partecipanti potranno comprendere i concetti di Resistenza e Resilienza, sperimentando il potere del cambiamento attraverso la Memoria e l’Impegno.

“Negli anni gli educatori dei Centri Giovani hanno accompagnato più di 200 giovani della provincia di Rimini in questa esperienza” dichiarano i due coordinatori dei centri aggregativi, Valerio Minicucci e Michael Binotti “Siamo stati più volte in Campania, in Sicilia e anche in Calabria. Sono numerose le esperienze in cui i partecipanti di ritorno dai campi cominciano ad impegnarsi quotidianamente nell'associazionismo.” “E’ un’esperienza educativa che per noi è diventata fondamentale” concludono i coordinatori “per concorrere allo sviluppo civico e umano dei nostri ragazzi che da questa esperienza non tornano mai uguali a quando sono partiti”.

Le pre-iscrizioni sono aperte dal 15 aprile al 24 maggio e possono essere effettuate compilando la modulistica disponibile sui canali social dei Centri Giovani RM25 e di Cattolica. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 375-5136217 dal martedì al venerdì dalle 16:00 alle 19:00.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campi sui beni confiscati alle mafie per giovani: opportunità di formazione e volontariato

RiminiToday è in caricamento