rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Santarcangelo di Romagna

Capi d’abbigliamento per profughi, i laboratori nell’ex biblioteca di Santarcangelo

L’assessore Donini: “Apriamo le iniziative di EcoNatale con un gesto di solidarietà nei confronti di chi sta attraversando l’Europa a piedi"

Prenderanno avvio sabato 28 e domenica 29 novembre i laboratori per realizzare capi di abbigliamento da donare ai profughi che si trovano al confine fra Grecia e Ungheria. EcoNatale 2015 guarda al riuso e alla solidarietà con “Mad Hatter” (Cappellaio matto), l’iniziativa ideata e condotta dall’artista Su_E_Side della Mutoid Waste Company, che a partire da questo fine settimana terrà una serie di laboratori creativi per trasformare vecchie felpe, magliette e pantaloni inutilizzati per confezionare sciarpe, guanti e cappelli da destinare all’emergenza profughi. “Il programma di EcoNatale è composto da tante iniziative che proseguono per un mese - afferma  l’assessore al Turismo Paola Donini. - Si tratta di iniziative legate alla musica e allo spettacolo, al commercio e all’artigianato, con un’attenzione particolare alla solidarietà e al rispetto dell’ambiente. Abbiamo però voluto con forza iniziare questa serie di festeggiamenti con Mad Hatter, perché in questi giorni tristi per l’Europa dove la parola guerra è sempre più presente nei telegiornali e i temi della sicurezza sono diventati giustamente la priorità, abbiamo dimenticato completamente un’altra parola: solidarietà. Durante l’estate e l’autunno ognuno di noi è stato spettatore della marea umana di profughi che attraversava l’Europa a piedi. Poi le telecamere si sono spente e gli attentati di Parigi hanno fatto il resto, ora l’oscuramento è totale, ma la situazione è la stessa, migliaia e migliaia di persone, vecchi, donne, bambini, che scappano dalla loro terra e attraversano l’Europa a piedi, ora  in più, nel freddo dell’inverno”.

“Per aiutare queste popolazioni – conclude l’assessore al Turismo Paola Donini - abbiamo deciso di dare avvio alle nostre iniziative partendo proprio dal progetto Mad Hatter che prevede la raccolta, la realizzazione e il trasporto di capi di abbigliamento e materiale invernale al confine tra Grecia e Ungheria. E’ molto importante in questi momenti sentirsi comunità, non solo santarcangiolese, ma comunità locale che agisce in Europa e nel mondo con consapevolezza e solidarietà umana. Siamo orgogliosi del fatto che un progetto che era partito da un gesto semplice e da poche persone, al quale l’Amministrazione ha, da subito, creduto, in poche settimane sia stato riconosciuto tra le buone pratiche europee della settimana della riduzione dei rifiuti e notato dalla Rai che, tra tutti i progetti natalizi regionali, verrà a Santarcangelo domenica in occasione di uno di questi laboratori”.

I laboratori si terranno nell’ex biblioteca sabato 28 e domenica 29 novembre dalle 14,30 alle 17,30 e nel fine settimana del 12 e 13 dicembre (stesso posto stessa ora). Grazie alla collaborazione dei volontari si costruiranno berrette, guanti e sciarpe da vecchi capi inutilizzabili, mentre nella scuola elementare Pascucci e nella nuova biblioteca saranno distribuiti carrelli dove donare indumenti invernali in buono stato, coperte, sacchi a pelo ecc. Il 20 dicembre Sue partirà per consegnare ai profughi tutti gli indumenti raccolti e realizzati. Attraverso i social network sarà possibile seguirla nel viaggio e nell’incontro con i profughi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capi d’abbigliamento per profughi, i laboratori nell’ex biblioteca di Santarcangelo

RiminiToday è in caricamento