Tornano i ladri di galline sul colle di Covignano, disperato il titolare del fondo

A nulla sono valsi tutti i tentativi per evitare le razzie nel pollaio, malviventi senza ritegno agiscono in pieno giorno

Sono tornati nuovamente in azione i ladri di galline che, lo scoro autunno, avevano messo a ferro e fuoco un fondo agricolo di Covignano con una serie di razzie. Il prorpietario del terreno, nonostante tutti gli accorgimenti e l'installazione di diverse telecamere a circuito chiuso, non è riuscito a debellare i malviventi che, in questi giorni, hanno ripreso le loro scorribande. A sparire, in un colpo solo, sono stati ben 13 volatili che, con tutta probabilità, a quest'ora sono già finiti in pentola. "Siamo disperati, impauriti e molto arrabbiati - spiega il proprietario del terreno che, oramai, deve puntualmente fare i conti coi ladri. - Nonostante le telecamere piazzate in ogni angolo, questi delinquenti agiscono impunemente e in pieno giorno. Arrivano tranquillamente in auto fino al cancello della proprietà, scavalcano la recinzione e fanno partire la caccia ai nostri animali per poi fuggire in tutta fretta. Abbiamo fatto denuncia più volte ma, nonostante questo e le immagini di videosroveglianza, è evidente che sono sempre gli stessi ad agire. Al di là del valore economico delle galline, ma la pericolosità di questi individui che entrano in casa. I miei genitori sono anziani e, se dovessero trovarsi faccia a faccia con questi delinquenti, si spaventerebbero a morte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento