menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce il Gruppo delle Marinerie della Romagna

Giovedì pomeriggio si è costituito il Gruppo di Azione Costiera (Gac) Marinerie della Romagna, atto indispensabile per accedere al bando regionale riguardante i finanziamenti del Fondo Europeo per la Pesca (FEP)

Giovedì pomeriggio si è costituito il Gruppo di Azione Costiera (Gac) Marinerie della Romagna, atto indispensabile per accedere al bando regionale riguardante i finanziamenti del Fondo Europeo per la Pesca (FEP) per lo “Sviluppo sostenibile delle zone di pesca”. Presidente dell’Assemblea è il Presidente della Provincia di Rimini: Ente che si è assunto il ruolo di capofila del Gac Marinerie della Romagna. Il Servizio Attività Produttive ricoprirà il ruolo di supporto per tutti gli adempimenti tecnico- amministrativi.

Il gruppo ha una valenza interprovinciale e coinvolge i territori costieri da Cesenatico a Cattolica. Hanno aderito 32 soggetti così ripartiti, come previsto dai regolamenti comunitari: Enti pubblici (Province di Rimini e Forlì-Cesena, Camere di Commercio di Rimini e Forlì-Cesena, Centro Ricerche Marine di Cesenatico, Comuni di Cesenatico, Bellaria-Igea Marina, Rimini, Riccione, Misano Adriatico e Cattolica; rappresentanti ed esponenti del settore della pesca marittima e dell'acquacoltura (Agci Agrital, Associazione Produttori della Pesca di Cattolica, Consorzio Mitilicoltori dell’Emilia-Romagna, Cooperativa Armatori e Operatori della Pesca di Cesenatico, Coop. Casa del Pescatore di Cesenatico, Coop. Marinara di Bellaria-Igea Marina, Coop. Lavoratori della Piccola Pesca di Riccione, Coop. Lavoratori del Mare di Rimini, Coop. Piccola Pesca di Gabicce Mare, Federcoopesca, Lega Pesca, Consorzio Linea Azzurra); rappresentanti di rilievo dei settori locali in ambito socioeconomico ed ambientale (Associazione Mariegola delle Romagne, Cna Rimini, Confcooperative Rimini, Fondazione Cetacea, Legacoop Rimini, Coldiretti Emilia Romagna, i Consorzi della Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Rimini e di Forlì-Cesena e Confcommercio Rimini).

 Entro il 16 di aprile la Provincia di Rimini presenterà domanda d’accesso al bando regionale con allegato il Piano di Sviluppo Locale (documento di pianificazione che individua obiettivi ed azioni da realizzare entro 31 marzo 2015). La partecipazione al bando – che verrà articolato sia nella parte finanziaria sia in quella operativa e strategica – permetterà di accedere a 550mila euro di risorse pubbliche (comunitarie e nazionali) che andranno a cofinanziare progetti per circa un milione di euro. Gli interventi sono previsti a breve, medio e lungo termine e potranno intercettare in futuro ulteriori risorse.

“Si tratta di un risultato importantissimo - ha commentato l’Assessore alla Pesca della Provincia di Rimini, Juri Magrini - per quanto si è riuscito a fare in così poco tempo. Far convergere ben 32 soggetti (tra pubblico e privato) su un’unica strategia di sviluppo locale ha mostrato la competenza e reattività degli uffici preposti e la disponibilità e propositività dei soggetti impegnati, con ruoli diversi, all’interno delle marinerie romagnole”.


 “E’ stato chiaro a tutti fin da subito - ha proseguito Magrini - che il sistema-pesca aveva bisogno di cogliere quest’opportunità di rilancio, che parte da oltre mezzo milione di euro di contributo per “svilupparne” quasi un milione in investimenti. E dato che il piano prevede anche azioni a lungo termine, altre risorse e altri investimenti potranno aggiungersi grazie al prossimo Fondo Europeo per la Pesca”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento