Lilian Thuram, il campione di calcio presenta il suo libro contro il razzismo

Il campione del mondo Lilian Thuram giovedì 31 marzo presenta al Museo della Città di Rimini il suo libro “Per l’uguaglianza – come cambiare i nostri immaginari”. Thuram, stella del calcio che ha indossato le maglie di Parma, Juventus e Barcellona incontra il pubblico nella sala del Giudizio del Museo della Città (via Tonini 1). Moderatore dell’incontro sarà Emiliano Visconti di Rapsodia – Libri Eventi, associazione che organizza l’appuntamento in collaborazione con l’Amministrazione Comunale. Il giorno seguente, venerdì 1 aprile, Thuram incontra settecento ragazzi di varie scuole superiori di Rimini, in particolar modo i ragazzi dell'ITIS "Belluzzi-Da Vinci", insieme a studenti del Liceo Einstein e del Liceo Giulio Cesare.

La carriera sportiva di Thuram è iniziata in Francia nel Monaco proseguendo poi in Italia, indossando dapprima la maglia del Parma e successivamente della Juventus, e si è conclusa  nel Barcellona a 36 anni a seguito di problemi di salute. Durante la sua carriera ha vinto molto titoli fra i quali campionato del mondo, d'Europa e in Italia, due scudetti e tre supercoppe. Contemporaneamente alla carriera sportiva Lilian Thuram si è speso nel sociale promuovendo l’integrazione contro ogni forma di discriminazione contro ogni forma di razzismo. Per questo ha costituito una Fondazione, che porta il suo nome con la quale svolge numerose attività in ambito educativo nell’ambito giovanile.

Questa esperienza ha voluto raccontarla in un libro, scritto in collaborazione con intellettuali e studiosi quali Todorv e Viewiorka anch’essi membri della Fondazione, dal titolo “Per l’uguaglianza”. Il testo in parte è autobiografico in parte, analitico e riflessivo. L’autore racconta, nei primi capitoli, la propria vicenda personale. Thuram, nato in Guadalupa, penultimo di una famiglia con cinque figli nati da padri diversi, condizione normale nella terra d'origine, ma non in Francia, dove si trasferisce a nove anni ed è in questa momento che comincia a porsi delle domande essendo un bambino curioso. Tutto il libro è una sequenza di interrogativi che nascono dall’esperienza personale e riguardano, dapprima, la "differenza" - vistosa - fra il suo modello di famiglia e quello dei compagni di scuola e di gioco.

La questione del razzismo Thuram la scopre in Francia in quanto sostiene che "è stato al mio arrivo a Parigi che sono diventato nero" prima non si era mai posto il problema. Ma a Parigi il colore della pelle è causa di stigmatizzazione. La differenza diventa diversità. Tuttavia, "non si nasce razzisti, lo si diventa", sottolinea Thuram ritenendo che è una costruzione sociale che si trasmette di generazione in generazione fino a divenire "un'abitudine, un riflesso inconscio". Il calcio, nella visione di Thuram,  può servire  a spezzare quest'abitudine, questo pregiudizio, data per scontata in quanto "dopo la scuola, il campo è il luogo più importante dove si educano i figli".  Ma il calcio è anche uno spazio pubblico, un teatro che permette di comunicare valori, in modo "esemplare".

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • A Riccione parte il ciclo di conversazioni di "Arte e moda. Dialogo nel tempo"

    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 29 novembre 2020
    • Palazzo del Turismo
  • Biblioterapia, torna l'appuntamento coi libri che "curano"

    • dal 24 ottobre al 19 dicembre 2020
    • Biblioteca Gambalunga

I più visti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Sagra Malatestiana, ottobre tra concerti sinfonici, Musiche da Camera e omaggio a Fellini

    • dal 1 al 31 ottobre 2020
    • Teatro Galli
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento