A Riccione torna l’appuntamento con il Cinema d’autore

Ogni settimana doppia proiezione (lunedì e martedì sera) a base di film d’essai o grandi classici restaurati in prima visione. E a proposito di grandi classici si parte proprio con un capolavoro della serie

Da lunedì torna l’appuntamento con il Cinema d’autore, il ciclo di film al Cinepalace organizzato dall’Istituzione Riccione per la Cultura. Ogni settimana doppia proiezione (lunedì e martedì sera) a base di film d’essai o grandi classici restaurati in prima visione. E a proposito di grandi classici si parte proprio con un capolavoro della serie: le serate di lunedì e martedì sono dedicate ad una delle meraviglie di Stanley Kubrick, Barry Lindon (1975), il Settecento come non l’avevamo mai visto, e che ora possiamo rivedere grazie all’iniziativa Il Cinema Ritrovato, promossa dalla Cineteca di Bologna.

In occasione della Giornata della Memoria sullo schermo ci sarà un film speciale: per tre serate – il 26, il 27 e il 28 gennaio – sarà possibile assistere alla proiezione di Corri ragazzo corri, di Pepe Danquart. Un film dal grande valore didattico, una storia vera estremamente emozionante che offre un punto di vista inedito sulla tragedia rappresentata dall’Olocausto. Tratto dal romanzo omonimo di Uri Orlev, un libro per ragazzi divenuto un bestseller in tutto il mondo, come opera di finzione la storia sembra perfino troppo assurda per essere vera. Ma quel ragazzino è sopravvissuto e ancora oggi, all’età di 79 anni, la racconta a chiunque abbia voglia di ascoltarla. “Con il mio film volevo far conoscere questa storia a coloro che non l’hanno ancora sentita – così Danquart - perché chiunque vedrà il viaggio di Jurek non potrà non emozionarsi. Avranno paura, saranno pieni di ammirazione per lui, soffriranno e piangeranno con lui”.

Protagonista del terzo appuntamento, il 2 e il 3 febbraio, è la strepitosa fotografia di Sebastião Salgado, in Il sale della terra, un filmdoc co-diretto da Wim Wenders e Juliano Ribeiro Salgado, figlio dell'artista. Un documentario monumentale, che traccia l'itinerario artistico e umano del fotografo brasiliano, “un'esperienza estetica esemplare e potente, un'opera sullo splendore del mondo e sull'irragionevolezza umana che rischia di spegnerlo. Viaggiatore irriducibile, Sebastião Salgado ha esplorato ventisei paesi e concentrato il mondo in immagini bianche e nere di una semplicità sublime e una sobrietà brutale. Interrogato dallo sguardo fuori campo di Wenders e accompagnato sul campo dal figlio, l'artista si racconta attraverso i reportages che hanno omaggiato la bellezza del pianeta e gli orrori che hanno oltraggiato quella dell'uomo” (Marzia Gandolfi, MyMovies).

Le serate di lunedì 9 e martedì 10 febbraio raccontano la storia pubblica e privata di Alan Turing (interpretato dal camaleontico e talentuoso Benedict Cumberbatch già in odore di Oscar), brillante matematico di Cambridge arruolato durante la seconda guerra mondiale dall'esercito britannico per decifrate il leggendario codice Enigma, ideato dai nazisti per secretare le proprie comunicazioni militari. Lo scienziato, morto suicida a 41 anni, è considerato oggi uno dei padri dell'informatica in quanto ideatore di una macchina progenitrice del computer. The imitaton game è la trasposizione cinematografica della sua vita con una struttura narrativa a flashback costruita attraverso l’articolazione di tre momenti temporali distinti ma tra loro fortemente intrecciati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ultimo appuntamento con il primo ciclo di proiezioni del 2015 è per lunedì 16 e martedì 17 febbraio con un film dei fratelli Dardenne, Due giorni, una notte, con il quale riportano al centro della loro opera il tema del lavoro e le sue contraddizioni, raccontate attraverso la storia di una donna. Presentato a Cannes e accolto da lunghi applausi, il film dei fratelli belgi narra il dramma di Sandra, la grande Marion Cotillard, licenziata dopo un referendum tra i suoi colleghi. Le proiezioni del lunedì hanno inizio alle ore 21, quelle del martedì alle 20.30. Ingresso a 5 euro, mentre l'abbonamento ai 4 film costa 14 euro. Serata speciale Giornata della memoria fuori abbonamento: ingresso 8,50 euro, ridotto 6,50 euro La serata del lunedì è accompagnata dalle degustazioni bio di Bio's Kitchen-Terra&Sole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento