menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alla fine della Biennale del Disegno di Rimini arriva la scoperta di Andrea Speziali

Questa scoperta oltre a testimoniare la tesi del giovane studioso, emana la notizia che un grande artista come Chini ha lavorato in riviera romagnola.

A Castel Sismondo, nella sezione dedicata alle opere di Galileo Chini, noto artista Liberty italiano, è esposto il bozzetto ad acquerello per il maiolicato esterno di villa Lydia a Viserba (edificio Art Dèco sito in via Porto Palos 8). Il Bozzetto di proprietà Vieri Chini risale ai primi anni del Novecento. Nessuno della Biennale del Disegno, da Pulini ai singoli curatori, proprietario dell'acquerello e della villa (noto dottore bolognese) sapevano dell'esistenza di questo bozzetto per il maiolicato. Come si evince dal bozzetto la parola Lydia era scritta con la ''I'' e il maiolicato posto all'esterno della villa (come da foto) e prodotto dalle Ceramiche San Lorenzo, è stato modificato con la lettera ''Y'', quindi Lydia.

Del villino, raro esempio dello stile Art Dèco in Romagna ne aveva parlato Speziali nella monografia ''Romagna Liberty'' pubblicata da Maggioli nel 2012 e consultabile dal sito www.romagnaliberty.it senza riuscire a trovare progetti e fonti sulla villa viserbese, pur sempre attribuendo il maiolicato all'opera di Chini. Questa scoperta oltre a testimoniare la tesi del giovane studioso, emana la notizia che un grande artista come Chini ha lavorato in riviera romagnola.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Miti e leggende, i fantasmi del riminese

Attualità

Verucchio, inaugurata dal sindaco una nuova pizzeria d'asporto

Giardino

Bonus Verde 2021: nuovo look al giardino spendendo poco

social

Cassoni riminesi, la ricetta per farli in casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

  • Alimentazione

    Dimagrire con la dieta del riso rosso

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento