Elezioni, Carlo Rufo Spina scatta una "foto" di Rimini

Il candidato al consiglio comunale con Forza Italia fa il punto su economia, sicurezza e turismo: "Noi non siamo Ibiza, bisogna cambiare strategia"

Carlo Rufo Spina, a sinistra il candidato sindaco Marzio Pecci

L'avvocato Carlo Rufo Spina, candidato al consiglio comunale con Forza Italia fa il punto sulla situazione politica ed economica in vista delle elezioni del 5 giugno. "Domenica si vota. Dopo aver capito che pagheremo lo spropositato numero di lavori elettorali del sindaco con meno ordine pubblico durante l’estate (non saranno infatti assunti né stagionali né ausiliari), cosa faremo noi riminesi? Vogliamo provare a dare una risposta sensata e non demagogica a questa domanda per cercare di migliorare, rendere efficiente e sostenibile la nostra magnifica città, che dopo 70 anni se lo merita?. Per prima cosa allora dobbiamo partire dal capitolo tasse, partecipate, spesa improduttiva e clientelare. O meglio, improduttiva proprio perché clientelare. Bisogna infatti lentamente dismettere e privatizzare i poltronifici delle partecipate locali. Dismetterle non vuol dire licenziare il personale. Vuol dire smettere di finanziare con soldi pubblici quelli che tecnicamente sono Enti non pubblici, ma in quanto controllati/partecipati dal socio pubblico diventano un covo di clientele, erogazioni finanziarie, nomine politiche, vertici pagati in modo spropositato pur senza competenze specifiche. Questi enti svolgono i compiti più vari: dall’imprenditoria, ai servizi, alla gestione di grandi eventi, fino al volontariato. Le alchimie giuridiche sono infinite: si nascondono dietro Spa, Srl, Società cooperative, associazioni. 

Tutto finanziato con sonanti milioni dal Comune. O meglio da noi con le tasse. Basta! Il volontariato o è gratuito o non è. Il concetto del volontariato a pagamento tanto caro alla sinistra deve trovare un fisiologico fine-vita. Non è più tollerabile e concepibile. Noi proponiamo la dismissione e/o privatizzazione di questi Enti per diminuire le uscite e quindi, a cascata, diminuire Imu, Tasi, Tari, Iscop e imposta di soggiorno. Quelle entrate potremo così destinarle a scopi più nobili e produttivi. Noi vogliamo destinare per qualche anno le entrate di una diminuita imposta di soggiorno per riqualificare le periferie abbandonate. Basta dire, come ha fatto Gnassi, che non ci sono i soldi. I soldi ci sono eccome! Basta spenderli bene e non nei poltronifici. Solo tra imposta di soggiorno e multe il comune ha incassato l’anno scorso oltre 18 milioni (7 + 11). Se noi abbassiamo entrambe le voci per portarle a 13 milioni e destiniamo per 1 anno quei soldi per la riqualificazione di Viserba, Santa Giustina, Miramare e il forese, secondo le indicazione e le giuste richieste dei rispettivi comitati di quartiere, in un solo anno di pianificazione la città complessivamente cambia volto.

Rufo Spina evidenzia come Rimini debba seguire "l’esempio positivo dei Comuni confinanti di Riccione e Bellaria, entrambi a guida centro-destra, per tutelare seriamente e nei fatti il commercio regolare e dire basta alla piaga dell’abusivismo sulle spiagge, per i marciapiedi e – molto più subdolo – in quegli pseudo negozi ed esercizi dove impera la contraffazione e l’evasione contributiva e fiscale. I controlli devono essere settimanali: a chi sta nell’illegalità viene revocata la licenza. Poi pattugliamenti più frequenti e tolleranza zero con i reati di piccola criminalità (furti, scippi, rapine, taccheggi): alla polizia municipale è demandato il controllo del territorio cittadino, non solo le multe per fare cassa. Dobbiamo poi sviluppare un nuovo modello turistico stabile di tipo culturale e collegato con l’entroterra. Noi non siamo Ibiza o Mikonos. O meglio, siamo anche quello ma ormai su quel campo loro ci battono. Accanto quindi al modello storico, sviluppatosi dagli anni ’60 e per il quale continuiamo ad essere attrezzati, dobbiamo impiantare un nuovo modello improntato su turismo balneare familiare e turismo culturale, valorizzando l’immenso patrimonio storico, artistico e archeologico che noi abbiamo e che non ha Ibiza e Mikonos.

Rimini deve quindi diventare in tal senso città d’arte come Firenze, Roma, Venezia: in più ha il mare, una delle spiagge più belle e attrezzate del mondo e un entroterra altrettanto ricco di storia, castelli, arte e tipicità. Quale altro polo turistico può vantare tanto? Eppure questa sinistra che ci governa da 70 anni non ha mai fatto nulla per questo. Basta! Non voglio citare le fogne e gli scarichi a mare (che sono stati aperti anche per le 4 gocce di qualche giorno fa), ma esprimo l’ultimo concetto della nostra idea di Città su quello che io chiamo Ridisegnazione Urbana. Rimini dal dopoguerra ad oggi è stata brutalizzata e barbarizzata dalle giunte cementificatorie e sovietiche che ancora ci governano. Non parlerò degli scempi di Ceccaroni o dei Sindaci che lo hanno seguito. Tutte le amministrazioni hanno contribuito all’uccisione della nostra città ed alla creazione di una viabilità insostenibile ed inadeguata (le migliaia di strade senza uscita che abbiamo dislocate in giro per Rimini danno la prova tangibile del fallimento di amministrazioni che non hanno mai pianificato niente e hanno lasciato costruire “a caso” dove e come capitava). Acquarena, che sorgerà in un’area che potrebbe essere adibita a parco pubblico con parcheggi interrati, è solo l’ultimo esempio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Noi proponiamo che i lungomari si sviluppino in altezza come a Dubai con ampi corridoi verdi laterali, recupero di superfici utili e quindi creazione di nuova viabilità a servizio per collegare rapidamente mare-centro-statale, la riqualificazione dell’area ex Fs a monte della stazione con parchi, strutture ricreative e sportive sul modello americano, percorsi archeologici e turistici, strutture educative ed ovviamente parcheggi interrati. Prenderemo interi isolati e zone degradate come ad esempio la piazza di Santa Rita (con case dirute e fatiscenti) per apprestare soluzioni partecipate con i cittadini proprietari e con investitori che sappiano dare un volto nuovo, riqualificato e moderno alle strutture ivi presenti, per avere palazzi di almeno 3 o 4 piani come in tutte le grandi città d’Italia. Per fare questo apriremo ai finanziamenti privati, modellando gli strumenti urbanistici comunali nel senso più favorevole al cittadino, all’investimento ed alle esigenze tecniche di “ridisegnazione”. Il Comune dovrà solo garantire il decoro estetico generale ed approvare volta per volta e ad hoc i progetti che gli stessi cittadini ed investitori gli proporranno. La ridisegnazione urbana deve poter superare l’esistente per ridisegnarlo meglio, più bello, più efficiente, con sviluppo verticale senza mangiare nuovo territorio, anzi, possibilmente diminuendo il territorio occupato attraverso spostamento (verso l’alto) di cubatura. Con questi mezzi hanno già risposto le grandi città europee. Dove vogliamo stare noi? Domenica si vota. Queste sono le ragioni per voltare pagina e votare la rinnovata Forza Italia. Senza consociativismi e protesi verso un nuovo Rinascimento cittadino che ci vedrà protagonisti davanti a tutta Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Un locale del Riminese tra i migliori bar d'Italia premiati dal Gambero Rosso

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento