rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Politica

Gnassi interviene con Bruno Vespa sulle elezioni dei sindaci. "No a blitz politici per abbassare le soglie"

Andrea Gnassi al convegno alla Camera "Una democrazia matura. I 30 anni dall'elezione diretta dei sindaci: stabilità e governabilità’"

"La legge 81 del 1993, introducendo il meccanismo dell'elezione diretta dei sindaci, ha segnato una svolta epocale, che ha vinto la diffidenza dei cittadini verso la politica attraverso i volti, i programmi e i contributi dei sindaci che si potevano eleggere direttamente. Ha ridato senso e solidità alla politica. Da questo convegno noi proponiamo che vengano individuate alcune coordinate, un contributo concreto al processo riformatore che è in atto in Parlamento”. Questo l’incipit dell’intervento di Andrea Gnassi al convegno 'Una democrazia matura. I 30 anni dall'elezione diretta dei sindaci: stabilità e governabilità’. Momento di riflessione moderato da Bruno Vespa e con protagonisti tutti i capigruppo delle varie forze politiche in cui il deputato già sindaco di Rimini ha rappresentato il Partito Democratico.

“Attualmente, fra incardinati e non, abbiamo depositati sette progetti di legge che vanno a modificare gli assetti di Comuni, Province, città metropolitane. A cui si affiancano la riforma sull'autonomia differenziata e le intenzioni di una riforma in senso presidenziale del Paese. C'è ora anche la proposta di alcune forze politiche che vuole abbassare la soglia per l'elezione dei sindaci al 40% al primo turno. Non si può pensare di trovare l'assetto più efficiente per dare risposte al Paese senza fare una discussione ordinata, perché livelli amministrativi, programmatori, funzioni, responsabilità, sono intrecciati” ha proseguito Gnassi, incalzando: “Oggi tra burocrazia e inefficienze mediamente per la realizzazione di un'opera attraverso gli atti amministrativi nei Comuni occorrono 7 anni. I blitz per abbassare la soglia di elezione del sindaco al 40% al primo turno non solo ci preoccupano, ma scardinano la stessa legge 81 del '93, che pur con limiti e difetti, oggi, dopo 30 anni, ha dato la maggiore stabilità e governabilità a un assetto (quello locale) del Paese. Le riforme devono essere incardinate attraverso due chiavi: la prima, che vi sia una discussione ordinata e non scomposta o stravagante o fatta per blitz per interessi politici di parte; la seconda, che non si operi nell'ottica dell'affermazione di un primato politico, ma considerando come gli effetti reali delle riforme possano dare risposte ai bisogni dei cittadini. Stiamo ragionando sull'architettura istituzionale del Paese non su cosa conviene a una parte politica". Lo ha detto il deputato del Pd e già sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, nel corso del convegno alla Camera 'Una democrazia matura. I 30 anni dall'elezione diretta dei sindaci: stabilita' e governabilita''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gnassi interviene con Bruno Vespa sulle elezioni dei sindaci. "No a blitz politici per abbassare le soglie"

RiminiToday è in caricamento