Mercoledì, 17 Luglio 2024
Politica

Marzio Pecci (LN): “che la celebrazione dei diritti delle donne sia l'inizio della primavera riminese”

In occasione dell'8 marzo l’augurio e le riflessioni del candidato a sindaco di Rimini

In occasione della festa delle donne dell'8 marzo, arriva l’augurio e le riflessioni del candidato a sindaco di Rimini, per la Lega Nord, Marzio Pecci. "Ha scritto Oriana Fallaci: 'essere donna é così affascinante. E' un'avventura che richiede un tale coraggio, una sfida che non annoia mai' - esordisce Pecci. - Ed è con queste parole che desidero esprimere alle donne, in occasione della giornata internazionale dell'8 marzo, il ringraziamento per tutto ciò che sono e che fanno.
L'8 marzo non è una semplice festa, ma la celebrazione dei diritti delle donne, diritti per cui le donne hanno lottato da rivoluzionarie, ma che si legano indissolubilmente alla pace e alla democrazia. Le donne, infatti, uniscono in sé una forza rivoluzionaria, legata al miracolo della vita di cui sono protagoniste, con la volontà di libertà, parità ed eguaglianza, che solo la pace e la democrazia possono assicurare".

"Le donne - prosegue candidato a sindaco - ci hanno insegnato che non ci si può rassegnare alle diseguaglianze, ai
soprusi e che contro i governi ingiusti si può e si deve combattere. Per questo chiedo alle donne di Rimini di usare questa loro forza per farsi promotrici e protagoniste del cambiamento della città, di alzare la testa e di lottare insieme per 'rompere il patto di potere' e liberare la città dal torpore e dall'immobilismo che la soffocano da troppo tempo e per far sì che Rimini sia finalmente una città giusta, ricca e felice. Questo è il mio augurio, che la celebrazione dei diritti delle donne sia quest'anno l'inizio della 'primavera riminese' e apra la via a quel rinnovamento politico-amministrativo di cui la città ha così tanto bisogno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marzio Pecci (LN): “che la celebrazione dei diritti delle donne sia l'inizio della primavera riminese”
RiminiToday è in caricamento