rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
social

Inaugurata la mostra "Anthology. 50 anni di fotografia 1972-2022” del maestro Saro Di Bartolo

Un’antologia di immagini per viaggiare nella bellezza del mondo e unire popoli e persone, testimoniando anche il diritto universale alla cura del dolore e della sofferenza.

E' stata inaugurata nella giornata di venerdì 25 novembre al Museo della Città di Rimini (Ala Nuova - via Tonini, 1), la mostra dal titolo “Anthology. 50 anni di fotografia 1972-2022”, del maestro Saro Di Bartolo.

Un’antologia di immagini per viaggiare nella bellezza del mondo e unire popoli e persone, testimoniando anche il diritto universale alla cura del dolore e della sofferenza.

La mostra resterà in programma fino al 29 gennaio 2023.

Il progetto nasce dalla profonda amicizia che lega il maestro Di Bartolo e Fondazione Isal, nata nel 1993 come Istituto di Ricerca e Formazione in Scienze Algologiche con lo scopo sia di promuovere la ricerca e la formazione sul dolore cronico, sia per dare un sostegno alle persone che ne sono affette.

Da qui la decisione di raccontare, attraverso gli scatti fotografici che svelano la bellezza paesaggistica e umana come vi siano in molti Paesi del mondo condizioni di vita che espongono a rischi di sviluppare uno stato di dolore cronico con scarse possibilità di accedere a cure rimarcando, attraverso la forza dell’arte e della fotografia, il diritto universale alla cura del dolore e della sofferenza che si sposa con la ‘mission’ di Fondazione ISAL.

All’inaugurazione della mostra hanno preso parte, tra gli altri, la presidente dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia-Romagna Emma Petitti, la vice sindaca di Rimini Chiara Bellini, l’assessore alle Politiche sanitarie di Rimini Kristian Gianfreda che hanno testimoniato l'attenzione che la Regione Emilia - Romagna e la Citta di Rimini dedicano e hanno sempre dedicato alla cura del dolore e alla creazione di servizi per le persone che vivono nella sofferenza.

Altresì era presente il dott. William Raffaeli, presidente della Fondazione Isal che ha illustrato come centinaia di milioni di persone nel mondo non hanno alcuna possibilità di accedere a farmaci analgesici e cure che nei Paesi dell'Occidente sono garantiti. Una ingiustizia da non tollerare su cui la Fondazione ISAL opera con altri soggetti internazionali perché ad ogni bambino, donna e uomo siano garantite le stesse opportunità indipendentemente dal Paese in cui vivono. Ha chiuso i saluti il Maestro Saro Di Bartolo che ha illustrato la sua passione per la Fotografia e le caratteristiche delle opere in mostra che sono suddivise per aree tematiche in cui ammirare le bellezze paesaggistiche, di costumi e mestieri nonché le persone che ha conosciuto nei suoi viaggi in tanti Paesi in particolare dell'Asia. 600 fotografie da ammirare come è stato fatto agli intervenuti all'inaugurazione.

 

Saro Di Bartolo
Dal 1969 Saro Di Bartolo svolge ininterrottamente varie attività professionali nei più diversi campi del turismo, collaborando con agenzie di viaggio e tour operator, hotel, istituzioni, enti, scuole, studi di advertising, grafica e marketing, società di ricerca e di progettazione multimediale. Appassionato di storia, arte e costumi dei popoli, ha viaggiato a lungo, realizzando reportage in varie parti del mondo e creando audiovisivi per il settore turistico.

Fin da giovane coltiva l’amore e lo studio della fotografia dal 2005 si occupa prevalentemente di tale arte.

Fondazione Isal
Isal nasce nel 1993 come Istituto di Formazione e Ricerca in Scienze Algologiche, con lo scopo di promuovere la formazione medica e la ricerca sul tema del dolore cronico. Dall’esperienza dell’Istituto ISAL nel 2007 nasce la Fondazione ISAL per sostenere la ricerca nell’ambito della terapia del dolore oltre che la comunicazione sociale. Dal 2009 ogni anno la Fondazione organizza e promuove l’appuntamento Cento città contro il dolore, una giornata che ha l’obiettivo della sensibilizzazione sociale e dell’informazione sul tema del dolore cronico.



La mostra è ad ingresso gratuito.
Orari: venerdì, sabato, domenica e festivi ore 10-13/16-19
Chiuso il 25,31 dicembre 2022 e 1 gennaio 2023

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurata la mostra "Anthology. 50 anni di fotografia 1972-2022” del maestro Saro Di Bartolo

RiminiToday è in caricamento