La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra per i 500 anni dalla morte dell'artista

Cambio di programma per l'esposizione, l'assessore Piscaglia: "Il 2020 si prospetta fondante per la costruzione della nuova Rimini"

Rimini sarà una della città protagoniste delle celebrazioni raffaelliane in programma per il prossimo anno. La mostra incentrata sulla Madonna Diotallevi di Raffaello Sanzio - opera appartenuta fino all'Ottocento alla collezione del riminese Audiface Diotallevi – già annunciata per l’autunno 2019 al Museo della Città, viene spostata infatti al 2020 su richiesta dei Musei Nazionali di Berlino, costretti a modificare le date della loro grande esposizione sull’Urbinate.

“Una proposta che si trasforma in una importante opportunità per Rimini per diventare una delle città protagoniste delle celebrazioni per il cinquecentesimo avversario della morte del Maestro – spiega l’assessore alla Cultura Giampiero Piscaglia - La mostra riminese infatti si inserirà tra le manifestazioni culturali raffaellesche del 2020, qualificandosi però per la sua duplice lettura: la formazione e l’attività giovanile dell’artista e nel contempo la storia della collezione e la figura del collezionista, Audiface Diotallevi, Gonfaloniere di Rimini dal 1857 al 1859”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il nuovo calendario inoltre consentirà agli studiosi di proseguire il lavoro investigativo che già ha svelato novità meritevoli di approfondimenti sulla collezione Diotallevi. Novità non solo sulle vicende del capolavoro giovanile di Raffaello ora a Berlino, ma sull’intera prestigiosa raccolta riminese, ammirata e ricordata da illustri viaggiatori per la presenza di opere attribuite a Leonardo da Vinci, a Benvenuto Tisi detto il Garofalo, oltre alle tavole pittoriche del Trecento riminese esposte al Museo della Città. La mostra offre quindi una preziosa occasione per scoprire le sorti dei singoli dipinti: una indagine indiziaria di difficile conduzione, ma che sta dando ottimi risultati al fine dell’identificazione delle opere, approdate con nuove attribuzioni in grandi musei internazionali. “La Madonna Diotallevi tornerà dunque a Rimini nel 2020, l’anno di Raffaello e l’anno del centenario dalla nascita di Fellini – conclude l’assessore Piscaglia - Un 2020 che si prospetta fondante per la costruzione della nuova Rimini, città d’arte e di cultura”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento