80mila euro per le ‘spese minute’ delle scuole riminesi

"Uno sforzo - ha dichiarato il Vicesindaco Gloria Lisi con delega alle Politiche educative - per aiutare i nostri istituti scolastici a continuare mantenere alta l'offerta educativa, costretta a subire i ritardi e i tentennamenti statali"

Il Comune di Rimini stanzia 80.000 euro a favore di otto istituti scolastici riminesi per far fronte alle spese varie d’ufficio, ovvero per l’acquisto di cancelleria, piccole attrezzature, manutenzione attrezzature informatiche, prodotti per la pulizia e relativi attrezzature, stampati vari per il funzionamento amministrativo della scuola. Un fondo che si va aggiungere alle risorse economiche investite dall’Ente in ordine al pagamento di tutte le utenze scolastiche.

“Uno sforzo – ha dichiarato il Vicesindaco Gloria Lisi con delega alle Politiche educative – per aiutare i nostri istituti scolastici a continuare mantenere alta l’offerta educativa, costretta a subire i ritardi e i tentennamenti statali. Un’offerta che si mantiene alta, anche in considerazione dell’attenzione a quelle che, a torto, sono ritenute spese secondarie (ormai spesso a carico delle stesse famiglie degli alunni) ma che in realtà incidono sensibilmente sulla qualità del contesto in cui studiano i ragazzi e operano insegnanti e personale addetto. Bene i tagli alla spesa pubblica, ma sulla scuola non si può risparmiare mettendone in discussione il funzionamento. Per questo, nonostante l’Associazione dei Comuni italiani, sulla base di alcune sentenze della Cassazione, abbia un parere avverso su questo tema al centro di un contenzioso col l’Avvocatura dello Stato, come Comune di Rimini abbiamo deciso d’intervenire a supporto di otto delle nostre scuole operanti sul nostro territorio che hanno sottoscritto una specifica convenzione con l’Amministrazione comunale. Una spesa importante che va naturalmente ad aggiungersi a quelle che quello di Rimini, come gli altri Comuni italiani, investono nella scuola per garantirne il funzionamento con l’assunzione delle spese per riscaldamento, illuminazione, arredi, ecc… “

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le otto scuole sottoscrittrici della convenzione, che nei tre diversi cicli (scuola d’infanzia, primaria, secondaria di primo grado) ospitano quasi 10.000 ragazzi riminesi, sono l’Istituto Comprensivo Centro Storico, l’Istituto Comprensivo XX Settembre, l’Istituto Comprensivo Alighieri, l’Istituto Comprensivo Miramare, l’Istituto Comprensivo Fermi, l’Istituto Comprensivo Marvelli, la Direzione Didattica Casti, la Scuola secondaria di primo grado Bertola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento