A Rimini aumentano gli incidenti che vedono coinvolti i ciclisti

In diminuzione, tuttavia, la gravità dei sinistri con il 75% dei casi che vedono chi si trovava in sella alla due ruote uscirne illeso

Sono 307 i ciclisti rimasti coinvolti, nel corso del 2016, in incidenti stradali sulle strade riminesi. Si tratta di un numero in linea con i trend degli anni precedenti (negli ultimi 8 anni il numero è costantemente oscillato tra i 270 e i 295), rispetto ai quali aumenta di qualche unità il numero totale, ma diminuisce la gravità e l'indice di lesività (rapporto tra numero di incidenti e feriti). Nel 75% dei casi i ciclisti coinvolti risultano illesi. Numeri che devono tenere in considerazione anche il progressivo  aumento nell'utilizzo della bicicletta da parte dei riminesi; dagli ultimi dati in possesso risultano infatti intorno al 25% i riminesi che prediligono la mobilità sostenibile per svolgere quotidianamente il tragitto casa-lavoro, di cui circa il 16% con l'utilizzo della bicicletta. All'inizio dello scorso decennio la percentuale di chi utilizzava la bicicletta negli spostamenti casa-lavoro era di poco inferiore del 10%.

“In un contesto di radicale cambiamento nella mobilità urbana – è il commento di Roberta Frisoni, assessore alla mobilità del Comune di Rimini – dove aumenta l'utilizzo della bicicletta negli spostamenti quotidiani, abbiamo il dovere di tutelare sempre di più la sicurezza degli stessi. Un obiettivo possibile attraverso una duplice sforzo, quello materiale, legato agli investimenti sulla mobilità lenta protetta, e quello culturale, con un maggiore rispetto e attenzione nei confronti dei pedoni e dei ciclisti. Per quanto riguardo il primo ambito, le politiche dell'Amministrazione sono chiare; entro la fine del mandato amministrativo portare a 120 i chilometri di piste ciclabili comunali, oggi sono di poco superiori a 100. Di qui al 2027, in un arco di tempo decennale, bisogna riequilibrare e ridurre la distanza tra la percentuale di chi usa il mezzo privato, oggi al 74%, e la mobilità ciclabile e pedonale, ora al 25% per chi si muove per il tragitto casa-lavoro in bicicletta o a piedi. Il dato che emerge è che, pur rimanendo in linea il numero totale degli incidenti, ne diminuisce la gravità, grazie sopratutto al grande sforzo compiuto per lo sviluppo di percorsi dedicati. L'obiettivo ambizioso di fondo è dunque quello di andare oltre un modello di mobilità pressoché esclusivamente basato sull’automobile e restituire i centri e i quartieri delle nostre città ai cittadini, tramite la sinergia tra mobilità urbana e mezzi pubblici. E tutto ciò in condizioni di massima sicurezza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

Torna su
RiminiToday è in caricamento