Al via sei progetti del Comune di Rimini a supporto della popolazione carceraria

Il vice-sindaco Gloria Lisi: "Sostenere l'ascolto, l'espressività e le relazioni sociali aumenta la qualità di chi vive il carcere"

Ascolto, supporto, genitorialità, teatro, inclusione sociale, sono questi i contenuti principali dei sei progetti per persone sottoposte a limitazione della libertà personale, appena approvati e finanziati all'interno degli stanziamenti regionali ai piani di zona e rivolti a Comuni sede di carceri. Più di 16 mila euro sono stati così destinati a Rimini per la realizzazione di progetti preventivamente approvati in sede di Comitato di distretto di Rimini nord, nell'ambito di un più ampio confronto tra istituzioni, aziende sanitarie, associazionismo e cooperazione sociale. Queste risorse vanno dunque a finanziare il Programma Attuativo Annuale 2017 ed i relativi progetti sul carcere con interventi in vari ambiti come; il centro di ascolto e supporto per la popolazione carceraria e le famiglie, i progetti di educazione e formazione, il “teatro evasione” per lo sviluppo dell'espressività, i percorsi di inclusione sociale, e quelli di genitorialità “al di là delle sbarre”. L'anno scorso sono stati cinquanta i padri in regime carcerario a partecipare al progetto sulla genitorialità; continuare ad essere genitori oltre le sbarre è una necessità, una sfida, un impegno che necessita di quotidiano supporto, sostegno e speranza per i detenuti.

Non solo, le sbarre delle loro celle rischiano giorno dopo giorno di limitare anche le prospettive e le possibilità dei loro figli. Per non lasciarli soli e supportarli nelle loro attività genitoriali sono stati così pensati diversi momenti di incontro e confronto, anche attraverso la condivisione di momenti ludici, espressivi, educativi. “In un contesto sempre più sotto pressione – commenta il Vice Sindaco con delega alla protezione sociale del Comune di Rimini, Gloria Lisi – come quello del carcere, questi progetti assumono un'importanza strategica. Sostenere l'ascolto, l'espressività e le relazioni sociali aumenta la qualità di chi vive il carcere, non solo per chi è recluso ma più in generale per tutto il sistema carcere, le famiglie ma anche la comunità nel quale il carcere è inserito”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Andreini la combina grossa e viene espulso dal Collegio

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

  • Ristoranti aperti solo per i conviventi, Conte: "Chiediamo a tutti di rispettare le regole"

  • Dpcm 3 dicembre: feste di Natale solo tra conviventi, viaggia solo chi deve rientrare nella residenza

Torna su
RiminiToday è in caricamento