Armati di mitra giocattolo per rapinare la sala giochi, preso uno dei malviventi

Serata di paura per i dipendenti del locale di Miramare che si sono trovati davanti due rapinatori con armi automatiche

Sono entrati in azione o o dopo la mezzanotte, tra lunedì e martedì, e armati di mitra hanno minacciato i dipendenti di una sala giochi di Miramare, in viale principe di Piemonte, per farsi consegnare l'incasso. Momenti di paura per i presenti che, davanti agli occhi, si sono trovati le armi automatiche e un uomo, col volto coperto dal casco, che minacciava il cassiere per farsi consegnare il denaro presente. La vittima, nonostante tutto, è riuscita a far scattare l'allarme ma la manovra non è passata inosservata ai malviventi i quali, con minacce e imprecazioni, sono riusciti a farsi consegnare 2500 euro dal cassiere e dalla moglie per poi fuggire in sella a uno scooter.

Nel frattempo, sul posto sono accorse le Volanti della polizia di Stato con gli agenti che hanno innescato un folle inseguimento ai due banditi che cercavano di seminarli. L'uomo al volante del due ruote, nell'imbocare una curva, ha però perso il controllo del mezzo ed entrambi sono rovinati sull'asfalto. L'inseguimento è così proseguito a piedi e, mentre uno dei rapinatori è riuscito a far perdere le proprie tracce, il secondo è stato acciuffato dal personale della polizia di Stato nonostante tutti i tentativi di divincolarsi.

Ad essere arrestato è finito un 47enne di origini napoletane, già noto alle forze dell'ordine, che è stato portato in Questura. In suo possesso gli agenti hanno recuperato la mitraglietta, poi risultata essere una riproduzione giocattolo priva del tappo rosso. Il partenopeo, residente nel riminese, è stato poi trasferito nel carcere dei "Casetti" mentre sul luogo della rapina è intervenuta la Scientifica per cercare di recuperare indizi tali da risalire anche al secondo complice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento