Coriano, proventi dall'autovelox lungo la Statale 72: "La burocrazia blocca il paese"

L'amministrazione comunale di Coriano ha approvato ad aprile la delibera di destinazione dei proventi delle sanzioni per violazioni al Codice della strada

L'amministrazione comunale di Coriano ha approvato ad aprile la delibera di destinazione dei proventi delle sanzioni per violazioni al Codice della strada. "Si tratta - esordisce l'assessore alla Polizia Municipale, Gianluca Ugolini - di provvedimento dovuto per legge con cui, nel rispetto dei vincoli prefissati, si destinano gli importi per manutenzione delle strade, potenziamento attività di prevenzione e controllo, sicurezza stradale, ed altro".

"Quest’anno la delibera contiene una novità importante, derivante da una disciplina legislativa complessa, oggetto di recenti modifiche e interventi sia a livello normativo che interpretativo, in ragione della quale i proventi derivante da autovelox sono devoluti, al 50%, all’ente proprietario della strada - prosegue -. Prudenzialmente questo ente ha provveduto ad accantonare in bilancio, a favore dello Stato, la somma di oltre 300mila euro, anche dopo aver valutato quanto affermato recentemente dalla Corte dei Conti Emilia Romagna sull’argomento".

"Questo comune - chiosa Ugolini - ha ritenuto, in passato, di non essere obbligato a ciò, in considerazione del fatto che le strade in concessione, come risulta essere la strada statale 72 all’Anas, sono escluse dalla ripartizione a metà dei proventi. Al fine di verificare in concreto l’effettiva devoluzione dei proventi, l’ente ha inviato un'apposita richiesta di parere all’Anas, al fine di
ottenere da quest’ultima il definitivo chiarimento in merito all’esatta qualificazione giuridica del tratto di strada 72 dove è posizionato l’autovelox, tenuto conto che proprio questo è il fattore che in via definitiva determinerà la destinazione di quota parte di quei proventi al Comune oppure allo Stato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sino ad oggi la mancanza del decreto attuativo, (atteso fin dal 2013) con la quale si dovevano stabilire le modalità di riparto e versamento delle somme, ha impedito agli enti di avere risposte certe su questa problematica e creato non poche difficoltà applicative - chiosa l'assessore -. In via prudenziale, comunque, le somme sono state accantonate e saranno definitivamente destinate una volta ricevuti i necessari chiarimenti. Purtroppo, anche in questo caso come in tante altre situazioni che ci troviamo quotidianamente ad affrontare, l’incertezza normativa e la burocrazia, che di fatto stanno ancora ingessando il nostro paese, continuano a crearedisservizio e difficoltà per tutti i cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Il romagnolo ex fidanzato di Belen torna in tv tra i corteggiatori di "Uomini e Donne"

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento