Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Bar, barbiere e giretti per il camorrista evaso dai domiciliari

Arrestato dai carabinieri che hanno notificato al malvivente un aggravio della misura cautelare

Gli arresti domiciliari non erano un problema per Massimiliano Romaniello, 46 anni, uno dei tre malviventi sottoposti alla misura cautelare nell'ambito dell'operazione Hammer che aveva portato anche all'arresto di 10 persone. In un mese aveva utilizzato 7 volte i permessi per andare dal dentista, 20 per sottoporsi a fisioterapia e una per un'ecografia. Oltre a queste uscite autorizzate, l'uomo frequentava assiduamente il barbiere e il bar senza chiedere i permessi. Allo stesso tempo utilizzava il cellulare e, intercettato dai carabinieri, dichiarava alla moglie di "uscire quando voleva". Il malvivente, che scontava la misura cautelare a Napoli, era convinto che gli inquirenti riminesi che indagavano su di lui non avessero modo di controllarlo. Una speranza vana che, scoperta dagli inquirenti dell'Arma, ha portato all'aggravamento della misura cautelare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bar, barbiere e giretti per il camorrista evaso dai domiciliari

RiminiToday è in caricamento