Bellaria, tassa sui rifiuti: in consiglio comunale la modifica delle tariffe

Con le nuove modifiche, saranno individuate in maniera più specifica le modalità di identificazione del rifiuto speciale, e le nuove disposizioni riguarderanno anche le attività degli uffici comunali

Il Consiglio Comunale di giovedì sarà chiamato ad approvare due delibere che riguardano la Tassa sui rifiuti (Tari). Sul tavolo dell’assemblea, approda in primis la modifica al regolamento Tari, approvato con delibera di Consiglio numero 21 del 13 marzo scorso. Tale modifica consiste in un adeguamento alla normativa nazionale relativa alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti speciali, ad esempio le lavorazioni industriali e edili, o i prodotti tossici nocivi come le batterie delle auto. Con le nuove modifiche, saranno individuate in maniera più specifica le modalità di identificazione del rifiuto speciale, e le nuove disposizioni riguarderanno anche le attività degli uffici comunali.

Sul fronte della determinazione della Tari, saranno approntate modifiche alle tariffe approvate con delibera 22 del 13 marzo: esse verranno adeguate al piano economico finanziario (P.e.f.) approvato su base provinciale lo scorso aprile. Aspetto importante: i contribuenti di Bellaria Igea Marina avranno nel 2014 una bollettazione mediamente in linea, ed in molti casi inferiore, a quella ricevuta lo scorso anno con la Tares, sia per le utenze domestiche che per le utenze non domestiche.

IAnche per il 2014, il regolamento approvato per la Tari prevede un sistema di rimborsi, come avvenuto con la Tares 2013, a beneficio dei nuclei più deboli e in difficoltà economica con almeno tre componenti, oltre che esenzioni totali per le famiglie a basso reddito composte, ad esempio, da ultrasessantacinquenni o persone con gravi handicap.

L’IMPOSTA - Dal 1 gennaio è entrata in vigore la Iuc, composta formalmente da tre entrate: Prima componente: Imu (Imposta Municipale Propria), imposta di natura patrimoniale, che spetta a tutti coloro che hanno un diritto reale sul bene. Seconda componente (riferita ai servizi) e scomposta in: Tasi - il tributo sui servizi indivisibili (come illuminazione pubblica e manutenzione delle strade) e Tari - la tassa vera e propria sui rifiuti, che di fatto ha sostituito la Tares.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento