Bonus Irpef di 80 euro anche per i lavoratori frontalieri

La circolare spiega inoltre che il credito Irpef scatta anche per i lavoratori che percepiscono somme indirizzate a sostegno del reddito, come la cassa integrazione guadagni, l'indennità di mobilità e di disoccupazione

Anche i lavoratori frontalieri, così come i cassintegrati e chi percepisce indennità di mobilità e disoccupazione, riceveranno il Bonus Irpef da 80 euro. È quanto prevede la circolare 9/E dell'agenzia delle Entrate appena emanata, che precisa beneficiari, calcoli e modalità di erogazione del bonus. "La parte relativa ai frontalieri è frutto del lavoro che ho portato avanti con il direttore generale dell'Agenzia delle entrate Attilio Befera, che ringrazio per la puntuale attività che sta svolgendo - spiega Arlotti -. Il paragrafo 3.2 della circolare indica specificamente che per i lavoratori frontalieri la verifica della spettanza del credito e la determinazione del relativo importo in relazione al reddito complessivo va effettuata tenendo conto del reddito di lavoro dipendente eccedente la franchigia di 6.700 euro''.

''Potranno quindi godere del bonus - continua Arlotti - coloro che prestano la propria opera all'estero, sono residenti in Italia e percepiscono un reddito complessivo oltreconfine fino a 32.700 euro (avranno 80 euro mensili fino a un reddito di 30.700 euro, andando poi a scalare fino a 32.700). Si tratta di un ulteriore riconoscimento del lavoro frontaliero e in parte viene così sanata la riduzione della franchigia che, va ricordato, era stata fissata a 8000 euro all'anno nel 2002. Una buona notizia che interessa i 5.500 lavoratori italiani a San Marino".

La circolare spiega inoltre che il credito Irpef scatta anche per i lavoratori che percepiscono somme indirizzate a sostegno del reddito, come la cassa integrazione guadagni, l'indennità di mobilità e di disoccupazione. "Sono oltre mille le persone in mobilità nel territorio della provincia di Rimini - ricorda il parlamentare -, con 5mila posti di lavoro assistiti da cassa integrazione. Il diritto al bonus è da considerare «automatico», perché le somme percepite costituiscono proventi comunque conseguiti in sostituzione di redditi di lavoro dipendente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento