C'è il sì per realizzare aree guida per istruire i motociclisti

C'è anche la provincia di Rimini tra i firmatari di un Protocollo con la Regione per la realizzazione di aree destinate alle prove di guida

C'è anche la provincia di Rimini tra i firmatari di un Protocollo con la Regione per la realizzazione di aree destinate alle prove di guida che rispondono alle finalità introdotte dalla Legge n. 120/2010 (modifiche al Codice della strada), che rende obbligatoria la prova pratica per l’acquisizione del patentino per i ciclomotori e allo scopo di permettere agli interessati l’esercitazione alla guida in aree sicure.

 L’azione rientra in quelle previste dal Programma d’Azione Europeo per la Sicurezza Stradale 2011 – 2020, che si propone di consolidare e migliorare i risultati raggiunti nel decennio precedente e sostenere progetti per ridurre gli incidenti stradali (morti, feriti e invalidi); in particolare si intende rafforzare l’istruzione e la formazione dei giovani utenti della strada e di adottare misure specifiche per ridurre gli incidenti che coinvolgono i motociclisti.

Con questo Protocollo d’Intesa inoltre si mettono in campo azioni per rafforzare, promuovere e sviluppare la cultura della sicurezza stradale e dell'educazione ad una mobilità sicura, consapevole e sostenibile. La Regione metterà a disposizione di ogni area, individuata dalle Provincie, la fornitura e relativa installazione delle attrezzature e delle strumentazioni necessarie al corretto svolgimento delle prove di guida.

In particolare la fornitura consiste in un edificio prefabbricato e relativi arredi, ciclomotori e motocicli elettrici con caschi e materiali di protezione per i guidatori, segnaletica orizzontale e verticale ed elementi speciali per riprodurre le più usuali situazioni stradali. Oltre individuazione dell’area, le Province dovranno curarne la gestione e la conduzione per garantire la massima fruibilità dell’accesso a tutti i soggetti interessati, in particolare alle scuole ed ai loro studenti.

In particolare, dichiara l’Assessore Mirra in Provincia di Rimini, “è stato raggiunto un accordo per gestire il campo in piena collaborazione con un consorzio delle autoscuole appositamente costituito e che avrà il compito di diffondere al massimo questa esperienza per garantire a tutti una guida sicura, preziosa è, inoltre, la collaborazione con il Centro Servizi Scolastici, da sempre attivo in questa attività”.

Con questa firma, conclude Mirra, “si aggiunge un ulteriore tassello al quadro di azioni che la Regione ha messo in campo da anni su questo problema, che vanno dall’educazione stradale inserita nei Piani di offerta formativa delle scuole alla recente campagna di sensibilizzazione per la sicurezza dei motociclisti “Due ruote una vita”, che in questi giorni è in diffusione in tutti i Comuni, Ausl e nei principali eventi e raduni degli amanti delle due ruote, come il World Ducati Week che si è concluso il 24 giugno scorso”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento