Carabinieri Riccione, controlli di Ferragosto su tutto il territorio

Il bilancio finale dei militari dell'Arma della Perla Verde ha visto 10 persone finire in manette e 8 denunciate a piede libero

Ferragosto di intenso lavoro per i carabinieri della Compagnia di Riccione che hanno messo in campo tutti gli uomini disponibili per garantire la sicurezza di cittadini e turisti. Nelle ore notturne è stata controllata la battigia, anche con l'intervento delle unità Cinofile, per contrastare lonspaccio e i reati predatori. Solo a Cattolica, i militari dell'Arma hanno recuperato 20 grammi di cocaina pronti per lo spaccio, per un valore di 2500 euro, oltre a 9mila euro ritenuti il provento di precedenti cessioni di stupefacente. Particolare attenzione anche nella zona del Marano dove, a finire in manette, sono stati altri 2 spacciatori pizzicati sulla battigia. Complessivamente sono stati recuperati 30 grammi di cocaina, 50 di marijuana e 10 di hashish.

Lo spacciatore, arrestato a Cattolica, è un cittadino albanese 38enne, già noto alle forze dell'ordine che già lo scorso anno era stato segnalato a vendere droga nella Regina. Il lavoro investigativo dei Carabinieri ha permesso di accertare che lo straniero, nel periodo estivo, era solito frequentare la Riviera per un paio di mesi e svolgere l'attività di spaccio per poi tornare in Albania. I militari dell'Arma hanno sorpreso il 38enne mentre cedeva una dose a un ragazzo cattolichino e hanno bloccato entrambi. La perquisizione dell'appartamento dove viveva l'albanese ha permesso di scoprire le altre dosi e i contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mattinata di Ferragosto animata, invece, a Riccione, per una rissa che si è accesa in piazzale Azzarita. All'alba è nato un diverbio tra due donne nomadi di nazionalità italiana, scoppiato per futili motivi, che è poi passato alle vie di fatto. La discussione era partita all'interno di un noto locale e, quando poi sono uscite, è proseguita davanti ai passanti e da quanti sono usciti dalla struttura per vedere cosa stesse succedendo. In piazzale Azzarita era presente una pattuglia dei carabinieri che, in un primo momento, hanno cercato di dividere le donne ma una delle due, una 25enne, si è poi scagliata contro le divise ferendo lievemente un militare ed è stata quindi arrestata per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento