Con l'arrivo del caldo scatta il divieto di prelievo di acqua dai fiumi

Nel riminese, il provvedimento riguarda il torrente Uso e affluenti; il torrente Conca e affluenti; e il fiume Marecchia e affluenti

Scatta il divieto temporaneo di prelievo idrico da fiumi e torrenti. Nel riminese, il provvedimento riguarda il torrente Uso e affluenti; il torrente Conca e affluenti; e il fiume Marecchia e affluenti. L’efficacia del divieto decorre dal 19 luglio e terminerà solo a seguito di espressa revoca. Il provvedimento di revoca potrà essere adottato quando nei corsi d’acqua saranno ripristinate le condizioni di deflusso minimo vitale (DMV) previste dal Piano di Tutela delle Acque. Al fine di facilitare l'attività di controllo connessa al divieto, gli utenti che prelevano utilizzando pompe mobili sono inoltre obbligati a rimuovere dal corso d'acqua la parte terminale delle apparecchiature di prelievo. La violazione alle disposizioni del provvedimento, compresa la mancata rimozione delle parti terminali delle apparecchiature di prelievo, è punita con la sanzione amministrativa consistente nel pagamento di una somma da 103,29 a 1.032,91 euro e, in caso di reiterata violazione, con la revoca immediata dell'autorizzazione a titolo provvisorio o concessione-

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento