menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli della Polizia negli alberghi: due arresti in poche ore

Le Volanti hanno effettuato giovedì una serie di controlli nelle strutture alberghiere

Un cittadino algerino di 47 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato per false dichiarazioni sulla propria identità. Durante un controllo fatto dalle Volanti fatto giovedì pomeriggio una struttura alberghiera della città, tra i documenti degli ultimi alloggiati, mostrati dalla segretaria della struttura, è emersa la fotocopia di un documento di un cittadino libico. I poliziotti hanno proceduto quindi a bussare alla porta dello straniero per chiedere un documento di identificazione, ma a tale richiesta lo stesso ha mostrato loro solo una fotocopia del documento.

Essendo sprovvisto di un documento utile ai fini dell'identificazione, l’uomo è stato accompagnato in Questura per essere sottoposto ai rilievi, all’esito dei quali sono emerse le esatte generalità dello straniero: si trattava di un 47enne originario dell’Algeria, con precedenti di Polizia, sul quale risultava un ordine di espulsione del Prefetto di Firenze dell’aprile scorso; reato per il quale, lo stesso era stato denunciato in stato di libertà. Ulteriori accertamenti esperiti dall’Ufficio Immigrazione, hanno portato alla luce un lascia-passare per entrare in Algeria, emesso dal Consolato Generale Algerino a Milano in data 28 luglio 2009, nel quale risultavano le reali generalità del soggetto, discordanti con quelle indicate nella fotocopia precedentemente consegnata ai poliziotti.

Sempre nella serata di giovedì, il personale della Squadra Mobile ha rintracciato in una struttura alberghiera della città un 35enne senegalese sul quale pendeva un ordine di cattura emesso dall’Autorità Giudiziaria di Bologna, che disponeva la sospensione della misura alternativa della detenzione domiciliare con contestuale arresto immediato.  Accompagnato presso gli uffici della Questura per procedere all’identificazione, è emerso che lo stesso doveva espiare una condanna definitiva di nove mesi di reclusione per rapina impropria, furto aggravato, spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. L'uomo è in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Miti e leggende, i fantasmi del riminese

Attualità

Verucchio, inaugurata dal sindaco una nuova pizzeria d'asporto

Giardino

Bonus Verde 2021: nuovo look al giardino spendendo poco

social

Cassoni riminesi, la ricetta per farli in casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Video

    VIDEO | Tromba d'aria in mare

  • Alimentazione

    Dimagrire con la dieta del riso rosso

Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento