Gli sciacalli dell'epidemia: ladri nel magazzino della Croce Rossa

I malviventi si sono impossessati delle vecchie divise dei volontari, attenzione ai possibili truffatori

Nella notte tra martedì e mercoledì i malviventi hanno fatto visita alla sede della Croce Rossa riminese, in via Marecchiese, riuscendo a entrare nei magazzini dei volontari. Secondo quanto emerso, ad essere asportate sono state alcune vecchie divise, dei caschi e una bicicletta. L'ipotesi più accreditata è che si sia trattato di un gruppo di malfattori che, indossando i capi d'abbigliamento, possa aggirarsi per la città chiedendo donazioni o mettendo a segno delle truffe. Si tratta di vecchie divise blu, non più in uso ai volontari che portano quelle arancioni, e si raccomanda la massima attenzione e di avvisare immediatamente le forze dell'ordine in caso di strane richieste da persone che indossano i simboli della Croce Rossa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella mattinata, ragazzino perde la vita

  • Cimici: 4 rimedi naturali per allontanarle da casa

  • Si lascia cadere nel vuoto, gesto estremo di un ragazzo

  • Col monopattino elettrico in A14, bloccato dalla polizia in autostrada

  • Stroncato da un'overdose, giovane padre di famiglia ritrovato senza vita nel garage

  • Bellaria piange la scomparsa del 13enne, proclamato il lutto cittadino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento