menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Criminal Minds: chiesto il rinvio a giudizio per imprenditore, poliziotto e finanziere

Atto conclusivo dell'inchiesta che ha portato 14 capi di imputazione per i personaggi coinvolti. Una vicenda complessa che la magistratura ha diviso in diversi filoni

Corruzione, calunnia, divulgazione di segreto d'ufficio, violenza e estorsione, ricettazione, ma anche detenzione di droga. Sono 14 i capi di imputazione inseriti dal pubblico ministero, Luca Bertuzzi, nella richiesta di rinvio a giudizio per l'inchiesta Criminal Minds, a carico, tra gli altri, dell'imprenditore sammarinese Marco Bianchini, e di alcuni suoi stretti collaboratori, il finanziere Enrico Nanna, un agente di polizia riminese, l'investigatore privato Salvatore Vargiu e il faccendiere romano Riccardo Ricciardi. Bianchini ex presidente della Bi-Holding, il gruppo che controlla anche la Karnak, colosso nelle forniture di materiale per ufficio, era stato arrestato il 16 gennaio del 2012, a San Marino, a cui era seguita l'estradizione in Italia. Una vicenda complessa che la magistratura ha diviso in diversi filoni. Il rinvio a giudizio appena chiesto dalla Procura di Rimini fa riferimento alle azioni compiute da Bianchini, due manager della Karnak e del direttore della Fingestus, la finanziaria sammarinese riconducibile alla famiglia Bianchini, indagati per aver "comprato" informazioni per favorire sia gli affari della Karnak a discapito della maggiore concorrente sul mercato italiano, sia per "vigilare" sulle indagini tributarie a carico della società.

Agli atti la magistratura ha inserito episodi in cui Bianchini spalleggiato da Ricciardi ottiene dimissioni, in maniera non ortodossa, con l'uso della violenza, e la firma di clausole vessatorie per penali salate, da alcuni dipendenti ritenuti infedeli. Negli affari di Bianchini e della Karnak, già finita sotto osservazione dalla guardia di finanza per estero vestizione, si inseriscono i "servigi" del finanziere Nanna e dell'investigatore privato Vargiu, titolare della Cio di San Marino, che ottengono e vendono care a Bianchini informazioni riservate e coperte da segreto d'ufficio. Gli affari dell'imprenditore con la finanziaria Fingestus, poi, si sarebbero spinti fino a garantire riparo a capitali illeciti, tanto che per Bianchin è scattata anche l'accusa di ricettazione di un milione e 164 mila euro provenienti dal fallimento dell'azienda di un imprenditore anconetano. Tra le società per cui il magistrato ha chiesto il rinvio a giudizio ci sono la B-holding e Cio di Salvatore Vargiu. Quest'ultimo poi insieme al finanziare, ad un poliziotto riminese, ad altri due investigatori privati e ad una sammarinese, dovrà rispondere di calunnia. Il sostituto procuratore ha infatti inserito in quest'ultimo filone e rinvio a giudizio anche l'episodio della denuncia per spaccio e possesso di droga, artatamente creata a tavolino, dagli investigatori indagati, per far arrestare il marito di una sammarinese che si era rivolta a Vargiu per liberarsi dell'ex compagno. Mentre Vargiu con l'aiuto di un poliziotto posizionarono la droga nell'auto del malcapitato, il finanziere ne aveva proceduto all'arresto illegale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento