Le Guardie Ecozoofile scoprono una discarica abusiva con rifiuti speciali

Lungo una strada, a margine di campi coltivati, le Guardie hanno rinvenuto numerose lastre di quello che sembrerebbe essere cemento-amianto.Del fatto è stato informato il sindaco per la rimozione delle stesse

E' stato un periodo intenso quello appena trascorso delle Guardie Ecozoofile di Fare Ambiente, anche in virtù delle segnalazioni giunte al numero di servizio 3703131006. Il numero istituito infatti permette ai cittadini di segnalare reati o illeciti in ambito zoofilo e ambientale. Si è trattato proprio di quest'ultimo, l'ambiente, quello su cui si sono concentrate le segnalazioni e di conseguenza gli interventi delle pattuglie in servizio nel territorio riminese. Da una prima segnalazione, nella zona tra Coriano e Montescudo, è emerso che sono diverse le discariche abusive nelle quali vengono abbandonati i materiali più svariati, ma la situazione più grave la pattuglia in servizio nella serata di sabato l'ha riscontata in altro comune. Ma su quest'ultimo particolare vige il massimo riserbo.

Lungo una strada, a margine di campi coltivati, le Guardie hanno rinvenuto numerose lastre di quello che sembrerebbe essere cemento-amianto.Del fatto è stato informato il sindaco per la rimozione delle stesse. "A parte l'inciviltà e la pericolosità del materiale-spiega il vice responsabile Edoardo Morri -chi venisse sorpreso ad abbandonare rifiuti, rischierebbe una sanzione amministrativa che può arrivare fino ad 3mila euro, che raddoppierebbe come, in questo caso, abbandonasse rifiuti pericolosi". Purtroppo in questi due casi le Guardie sono arrivate successivamente allo scarico dei rifiuti, ma questo non farà altro che comportare un maggiore impegno da parte delle stesse per sensibilizzare prima e reprimere poi, chiunque dovesse essere sorpreso a deturpare l'ambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PESCA - Le Guardie sono state impegnate anche nel contrasto alla pesca di frodo. Proprio dai pescatori in regola con la documentazione giungono, solitamente, le segnalazioni di eventuali attività non in regola, come l’utilizzo delle reti nei corsi d’acqua. "Possiamo trovare anche una nota positiva nei servizi svolti dalle numerose Guardie presenti nella provincia riminese, e questi giungono dalla mattinata passata nella classe elementare II B, dell'Istituto Comprensivo Enrico Fermi di Viserba - afferma Morri -. In tale occasione una delegazione di Guardie ha sensibilizzato i ragazzi su quelle che possono essere le abitudini sbagliate che possiamo avere e quello che possono fare per porre un rimedio. La speranza è che riportino a casa quello che hanno appreso in classe. Ricordiamo che il numero sopra riportato per le segnalazioni non è abilitato a ricevere telefonate, ma solo messaggi di testo o messaggi Whatsapp, meglio ancora se corredati di fotografie e video".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento