menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Divertirsi senza sballarsi, "E' per te": un protocollo contro l’abuso di alcol e droghe

Lunedì è stata presentata l’iniziativa “E’ per te”, una campagna d’informazione per la promozione della responsabilità sociale da parte dei giovani finalizzata alla prevenzione dell’abuso di alcol e droghe nei contesti del divertimento

Lunedì è stata presentata l’iniziativa “E’ per te”, una campagna d’informazione per la promozione della responsabilità sociale da parte dei giovani finalizzata alla prevenzione dell’abuso di alcol e droghe nei contesti del divertimento. L’iniziativa, frutto del gruppo di lavoro promosso dall’Amministrazione comunale, dall’Assessorato per le politiche giovanili in collaborazione con l’Ausl e le associazioni del volontariato, si è concretizzata in un protocollo d’intesa, che fissa comportamenti positivi e concreti da parte degli operatori e dei gestori dei locali, e in un programma di eventi, feste e incontri formativi.

“Il progetto formativo che sta alla base del protocollo d’intesa non è rivolto solo ai giovani, ma anche agli adulti – hanno ricordato il Sindaco Massimo Pironi e l’Assessore alle politiche giovanili Federica Torcolacci . - Era un impegno che ci eravamo assunti già all’indomani della Notte Rosa dell’anno scorso, quello di formare un gruppo di lavoro sui temi del contrasto all’abuso dell’alcol e delle droghe da parte dei ragazzi. Ora siamo in grado di avanzare proposte concrete. Non sarà, certo, la risposta a tutti i problemi, ma viene delineato un percorso formativo di educazione al divertimento”.

Perché le proposte previste dal protocollo si trasformino in azioni concrete – avverte l’Assessore Torcolacci – “bisogna crederci fino in fondo. E controllare che gli impegni assunti vengano rispettati. Il fatto di aver coinvolto da subito anche il Cocoricò è molto importante. Ai gestori vengono rivolti impegni precisi. Tra questi la formazione del personale, che deve saper capire quando un ragazzo è già alterato e smettere di servire alcolici. Chi aderisce al protocollo si impegna ad applicare tariffe diverse tra alcolici e analcolici, molto più basse nel caso delle bevande senza alcol. La misura sarà: due drink analcolici contro uno a base di alcol”.

“Riccione è trainante in fatto di divertimento – aggiunge don Daniele Missiroli, cappellano della Parrocchia Mater Dei – agli occhi dei ragazzi è sempre nell’occhio del ciclone. Questo non ci deve spaventare. Anzi. Dobbiamo fare in modo che parta da qui un modo bello e accattivante di divertirsi. Deve essere proprio questo il nostro punto di forza, per lanciare un messaggio ad una platea sempre più ampia. Riccione può fare scuola anche in questo”.

“Il gruppo di lavoro ha subito concordato su una cosa – dice Daniela Casalboni, responsabile del Servizio Dipendenze Patologiche AUSL Rimini : dobbiamo mettere in atto iniziative strutturali perché ormai il problema dell’abuso di alcol e sostanze da parte dei giovani è un problema strutturale, che richiede un approccio educativo comune da parte di tutti i soggetti che si occupano del mondo giovanile”.

Da qui la necessità di coinvolgere nei prossimi mesi anche le scuole, le società sportive, oltreché un numero sempre più alto di luoghi e soggetti del divertimento. Tra le iniziative concrete, contenute nel protocollo, anche l’organizzazione di feste, concerti e iniziative per riportare i ragazzi nei locali la domenica pomeriggio, un’abitudine molto in auge fino a qualche decade fa. Il tutto all’insegna di un divertimento sano e consapevole, che non metta a repentaglio la vita dei ragazzi. Lo stesso slogan dell’iniziativa “E’ per te” mette il ragazzo al centro. Perché si senta protagonista davvero, anche nel modo di divertirsi, non un soggetto di cura e di attenzioni da parte del mondo degli adulti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento