Dopo le cure amorevoli, quattro tartarughe torneranno a nuotare in mare

Sabato 21 a Riccione Fondazione Cetacea libererà Mara e Maxim dalla spiaggia antistante al Bagno 44 mentre Matteo e Eliot saranno trasportate al largo col gommone

Sabato 21 Fondazione Cetacea Onlus, associazione che si occupa del recupero della cura e della riabilitazione delle tartarughe marine che si spiaggiano o vengono recuperate ferite o debilitate sulle coste emiliano romagnole e marchigiane, apre le porte del suo Centro per un'occasione speciale: il ritorno in mare di ben quattro tartarughe marine. Il Centro Adria in Viale Torino 7/A a Riccione infatti aprirà al pubblico alle ore 10 per permettere a tutti di poter visitare le tartarughe ancora ricoverate e di dare un ultimo saluto alle quattro che riprenderanno la strada per casa, se le condizioni meteo e del mare lo permetteranno. Mara e Maxim verranno rilasciate dalla spiaggia antistante il centro, di fianco allo stabilimento balneare numero 44 di Riccione, mentre Matteo e Eliot prenderanno la strada per casa a bordo di un gommone e verranno rilasciate a tre miglia dalla costa. Sarà una gran festa per Fondazione Cetacea, soprattutto a causa del rilascio di Matteo e Eliot, due Caretta caretta giunte al centro in condizioni critiche e che si sono riprese dopo una lunga riabilitazione durata 15 mesi per una e 13 per l'altra... chi la dura la vince! Questo evento è stato organizzato grazie al contributo del progetto europeo TartaLife (finanziato dalla Commissione Europea attraverso il fondo LIFE+ NATURA 2012).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento