Blitz antidroga nei campeggi di Riccione: 7 persone portate in caserma

È di 7 persone portate in caserma e di oltre 3 etti di stupefacente sequestrato il primo bilancio del blitz antidroga, scattato all'alba di lunedì nei camping di Riccione, fatto dai carabinieri della Perla Verde

È di 7 persone portate in caserma e di oltre 3 etti di stupefacente sequestrato il primo bilancio del blitz antidroga, scattato all’alba di lunedì nei camping di Riccione, fatto dai carabinieri della Perla Verde col supporto delle unità cinofile. Nel primo campeggio visitato dai militari dell’Arma alle 6 del mattino, il sensibile fiuto di Sid, un Labrador antidroga, ha subito individuato due panetti di hashish nascosti nel portatenda di un gruppo di tre ragazzi, due dei quali minorenni.

In un primo momento tutti hanno cercato di sviare le domande dei carabinieri ma, di fronte all’evidenza, sono stati tutti portati in caserma per ulteriori accertamenti. Quantità minori di stupefacente, in prevalenza hashish e marijuana, sono stati trovati addosso o nascosti nelle tende di altri ospiti della struttura e che hanno fruttato ai possessori una segnalazione in Prefettura come assuntori.

Per un gruppo di altri quattro ragazzi, anche loro pizzicati con una considerevole quantità di “fumo”, è scattato l’accompagnamento in caserma per gli accertamenti. I controllo dei camping di Riccione è proseguito per tutta la mattinata e non è da escludersi che il bilancio degli arresti e dei sequestri sia destinato ad aumentare.

IL COMMENTO DEL SINDACO MASSIMO PIRONI - "Le ultime operazioni contro la criminalità comune, la lotta alla droga e il controllo sul rispetto dei limiti alla vendita e somministrazione di alcolici ai minori portate a termine dai militari della Compagnia Carabinieri di Riccione testimoniano e rispecchiano l’elevato grado di attenzione e reattività della città nel suo insieme a difesa della serenità del periodo ferragostano. Nei giorni di massimo impegno per gli operatori e per i servizi, è vitale che la collettività e tutti gli ospiti che hanno scelto di riconfermare la riviera per trascorrere il Ferragosto avvertano la presenza attiva, ma discreta, delle Forze dell’ordine. In particolare, l’azione di controllo sul rispetto dei limiti alla vendita e alla somministrazione di alcol ai minori corrisponde in maniera puntuale all’impegno assunto da questa Amministrazione comunale in solido con i rappresentanti delle categorie economiche e le associazioni del volontariato cittadino per incentivare forme di divertimento sano tra i giovani e contrastare la cultura dello “sballo” e dell’annichilimento personale con il ricorso a droghe e alcol. Si tratta, lo sappiamo, di una battaglia da combattere sul campo culturale e sul piano dell’educazione al rispetto di sé, e non ci illudiamo che sia né breve né facile. A questa però deve affiancarsi, come sta accadendo, una puntuale azione di controllo e, ogni volta che sia necessario, di repressione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento