menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni a Rimini, Mauro e Di Lorenzo entrano nella Lega: "Un'alternativa concreta all'era Gnassi"

"Il nostro scopo è contribuire a proporre ai riminesi un'alternativa di governo della città. Con Gnassi tante ombre e c'è rischio di altri danni"

"Aderiamo al progetto politico della Lega nella convinzione che sia l'unico soggetto con una visione e la progettualità necessaria per l’indispensabile rilancio di Rimini e per affiancare cittadini e imprese nella ripartenza dopo la batosta del 2020 con l’emergenza Covid". A dichiararlo sono il consigliere comunale Gennaro Mauro e Claudio di Lorenzo in una nota dove  ufficializzano l'adesione al Carroccio e ribadiscono di aver maturato la convinzione che la Lega "sia la naturale evoluzione del progetto politico nato nel 2016 con la lista civica ‘Uniti si Vince’, di cui siamo stati tra i soci fondatori. Grazie ai rapporti amichevoli e fruttuosi con gli esponenti leghisti locali e con il segretario della Lega Romagna, il deputato Jacopo Morrone, ci sono le condizioni per costruire una squadra di uomini professionalmente competenti che aggreghi le varie sensibilità presenti nella nostra comunità, unite dall’obiettivo di ridare un futuro e la dignità agli italiani".

Proseguono Mauro e Di Lorenzo: "Il nostro scopo è contribuire a proporre ai riminesi un’alternativa di governo della città concreta e credibile. La sindacatura Gnassi è stata caratterizzata da poche luci e tantissime ombre, gli eredi di Gnassi, vista la banale e scontata proposta di cui sono portatori, potrebbero risultare ancora più inconcludenti e dannosi. L’unica alternativa per traghettare Rimini oltre la crisi economica e sociale scaturita dall'emergenza pandemica è, quindi, la coalizione di cui la Lega è azionista di maggioranza, che può garantire un nuovo modello di buon governo".

Morrono si è così complimentato per "questa scelta maturata dopo un proficuo scambio di idee. Il prossimo appuntamento elettorale è cruciale per il futuro di Rimini. Credo sia chiaro a tutti. Chiusa l’era Gnassi, che ha lasciato una città prostrata da troppi problemi rimasti senza soluzione, si rischierebbe di cadere dalla padella nella brace optando nuovamente per l’usato senza garanzie dei candidati della sinistra. L’unica vera proposta credibile è quella della coalizione di centro-destra. Non è propaganda autoreferenziale ma una certezza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento