Espulso dall'Italia ritorna clandestinamente nel nostro Paese per spacciare

Fermato per un controllo dal personale delle Volanti, ha cercato di nascondere lo stupefacente all'interno dell'auto della polizia di Stato

Nella serata di giovedì, durante un controllo del territorio, una pattuglia della polizia di Stato ha notato un individuo sospetto nel parcheggio di via Medaglie d'oro a Marina Centro di Rimini. Fermato per essere identificato, è emerso che si trattava di un 32enne albanese già noto alle forze dell'ordine per reati legati agli stupefacenti. Gli ulteriori accertamenti hanno permesso di scoprire che, lo scorso anno, lo straniero era stato raggiunto da un provvedimento di espulsione dall'Italia firmato dal Prefetto di Rimini in seguito al quale era stato imbarcato su un volo per l'Albania. Portato in Questura per le pratiche di rito, una volta sceso dalla Volante gli agenti si sono accorti che il 32enne si era disfatto di due involucri contenenti della marijuana gettandoli sul tappetino. Per l'albanese sono scattate le manette con l'accusa di aver violato il divieto di ritornare nei Paesi dell'area Schengen prima di 5 anni e, allo stesso tempo, è stato denunciato a piede libero per la droga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento