Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca Marina Centro / Viale Pola, 2

I vicini: "Erano una coppia discreta, nulla che facesse presagire il dramma"

I residenti di via Pola descrivono Giovanni Laguardia e Vedra Mura come persone tranquille

Non sono molti i vicini che ricorda quella coppia che abitava al terzo piano della palazzina al civico 2 di via Pola, a Rimini, infossata tra il parcheggio di piazzale Kennedy e diversi residence. Quei pochi che li vedevano parlano di Giovanni Laguardia e Vedra Mura come persone tranquille, di poche parola, con le quali scambiavano al massimo qualche saluto. Nessun segnale, però, era mai giunto sulla tragedia che si è consumata nella notte tra domenica e lunedì quando il 69enne in preda a un raptus ha ucciso la compagna fracassandole il cranio con un martello. "Li vedevo uscire di casa - spiega una vicina che abita nel residence di fronte alla palazzina - ma più che qualche saluto non ci siamo mai fermati a chiacchierare. Davano l'idea di essere molto discreti e di non dare confidenza ma non c'è mai stato nessun allarme su quello che sarebbe accaduto. Non li ho mai sentiti urlare o litigare. Lunedì mattina, verso le 5, mi ha svegliato il rumore che proveniva dalla strada e, quando mi sono affacciata, ho visto la polizia e il 118 ma non credevo fosse stato commesso un omicidio. Solo nella prima mattinata, quando sono uscita, ho saputo che lui avrebbe ucciso la sua compagna".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I vicini: "Erano una coppia discreta, nulla che facesse presagire il dramma"

RiminiToday è in caricamento