Fondi europei per i lavori al porto di Bellaria per sostenere la pesca

L’intervento coprirà la zona di attracco dei pescherecci compresa tra la linea ferroviaria e il Circolo nautico

Oltre 5 milioni di euro per sostenere la pesca dell’Emilia-Romagna: aperto il secondo bando finanziato dal Feamp, il Fondo europeo per gli affari marittimi e per la pesca, per realizzare infrastrutture più moderne ed efficienti e aumentare la competitività delle piccole e medie imprese del settore.
La misura è indirizzata ai Comuni costieri della regione per mettere in campo gli investimenti necessari a migliorare le strutture dei porti e delle sale per la vendita all’asta del pesce, oltre a interventi per la corretta raccolta di scarti e rifiuti marini andando nella direzione di una pesca sostenibile sotto il profilo ambientale, più efficiente e innovativa.

“Con questo bando vogliamo continuare a sostenere interventi strategici per la pesca e la trasformazione dei prodotti, una risorsa essenziale per i territori costieri e per tutta la regione- spiega l’assessore all’Agricoltura, caccia e pesca, Simona Caselli-. Proprio per questo abbiamo chiesto e ottenuto una rimodulazione delle risorse che ci ha permesso di passare da poco più di 3 milioni a circa 9 milioni, un’assegnazione quasi tre volte superiore a quella iniziale. Finora, per interventi su porti e aste, sono già stati concessi complessivamente oltre 3,6 milioni di euro ai Comuni costieri, 1,5 milioni ai progetti proposti dal Flag - i gruppi di azione costiera formati da diverse realtà locali della costa - e circa 145 mila euro a privati. Si tratta di un’importante opportunità-chiude l’assessore- per costruire una nuova stagione di sviluppo per questo settore che potrà contare su strutture più moderne e più sicure”.  

Le risorse a carico del bilancio regionale sono per il 50% di provenienza comunitaria (circa 2,5 milioni), per il 35% statali sul Fondo di rotazione (più di un milione e 750mila euro) e per il restante 15% (oltre 750mila euro) della Regione. Tra le spese ammissibili rientrano ad esempio, gli interventi di ristrutturazione e ampliamento delle banchine dei porti;  la realizzazione di impianti di rifornimento carburante, ghiaccio, acqua o energia elettrica per gli operatori; l’acquisto di macchinari ed attrezzature per la gestione informatizzata delle attività di pesca, interventi di dragaggio; analisi e valutazione per prevenire rischi per i pescatori; spese generali collegate alla realizzazione dell’intervento  fino ad un massimo del 12% del totale delle altre spese ammesse. Il contributo, in conto capitale, potrà coprire fino al 100% delle spese per interventi, da un minimo di 460mila euro ad un massimo di 1,2 milioni. Il termine per la presentazione delle domande di contributo e della necessaria documentazione è fissato al prossimo 30 maggio.

In Regione sono cinque i progetti, in corso di realizzazione, finanziati con il primo bando europeo del Feamp tra i quali a Bellaria-Igea Marina, nel riminese, è in corso la ristrutturazione della banchina del porto di pesca che prevede il rialzo della banchina posta in sinistra idraulica del porto canale, la sistemazione degli anelli, delle bitte da ormeggio e del bordo banchina in pietra d’Istria. L’intervento coprirà la zona di attracco dei pescherecci compresa tra la linea ferroviaria e il Circolo nautico per una lunghezza complessiva di circa 350 metri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

Torna su
RiminiToday è in caricamento