Furti nei bar, in tre finiscono in manette

Erano specializzati in furti in commissione nei bar. Due clandestini macedoni e un albanese di 31 anni sono stati arrestati lunedì notte dai Carabinieri di Riccione

Erano specializzati in furti in commissione nei bar. Due clandestini macedoni, un 39enne domiciliato a Tivoli e un 25enne in Italia senza fissa dimora, e un albanese di 31 anni, residente a Tivoli con un regolare permesso di soggiorno, sono stati catturati nel cuore della nottata tra lunedì e martedì a Cattolica dai Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Riccione con l'accusa di furto aggravato in concorso. Il terzetto è stato individuato in viale D'Annunzio.

Si trovava a bordo di una Ford Ka, che era già stata notata nei luoghi dove si erano verificati alcuni furti. I tre extracomunitari, dopo aver “sondato” alcuni bar già chiusi, hanno raggiunto la stazione di servizio Eni di via Garibaldi a Cattolica dove, dopo vari passaggi, sono dall'auto. Uno è rimasto all’esterno a far da palo, mentre gli altri due sono entrati nel bar “Caffè 5959”. A furto completato i tre sono stati bloccati. Recuperata l'intera refurtiva, circa 2.700 euro rubati da due videopoker. Ai ladri sono stati sequestrati tre telefoni cellulari, un binocolo ed arnesi atti allo scasso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento