rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cronaca Cattolica

Grazie alle "Ghirlande solidali" devoluti 900 euro alla ricerca

Dedicata alla lotta contro il cancro anche la mostra “Presepi dal Mondo”, visitabile fino all’8 gennaio presso il Palazzo del Turismo

Per il Natale 2022 il centro di Cattolica si è trasformato in un autentico “Salotto Buono”, nome dell’iniziativa con cui una quarantina di esercizi commerciali di Salotto Marconi, Le Logge e del Comitato Quartiere Centro hanno conferito a queste festività un significato ancora più profondo e solidale. Questi negozi hanno infatti scelto di abbellire le proprie vetrine con le tradizionali ghirlande realizzate presso Villa Rubboli da Simona Canini e dalle volontarie dell’Istituto Oncologico Romagnolo con tralci di vite: un gesto significativo di sensibilità alla causa della lotta contro il cancro e di vicinanza a quelle famiglie con un affetto costretto a trascorrere parte di questi giorni, che dovrebbero essere felici e spensierati, in reparto per sottoporsi alle terapie di rito. L’adesione è stata tale da aver portato ad un ricavato di circa 900 euro, che verranno interamente utilizzati a sostegno della ricerca scientifica portata avanti presso l’IRST IRCCS di Meldola.

In particolare, la causa scelta è quella dell’immunoterapia: una nuova opportunità terapeutica che sta dando grandi risultati nella cura di alcuni tumori con prognosi fino a poco tempo fa infausta. Per fare un solo esempio che renda bene l’idea, il melanoma in stadio avanzato è passato da una prospettiva di sopravvivenza di 7 mesi a ben 72 mesi. "In generale, per i nostri ricercatori, il cancro non è più una malattia incomprensibile e misteriosa, quel rebus inestricabile che è stato per tanti anni in passato – spiega il Direttore Generale IOR, Fabrizio Miserocchi – questo grazie alle nuove scoperte sul genoma della malattia, che hanno portato a comprendere quali anomalie del DNA portino alla sua genesi, quali meccanismi metta in atto il tumore per evitare che il sistema immunitario lo riconosca, quali sono i target specifici da colpire affinché il nostro corpo possa individuarlo e attaccarlo come avrebbe dovuto fare sin da subito. Questo si è tradotto in anni di buona qualità di vita restituiti ai pazienti: sempre più tumori sono guaribili o, quantomeno, cronicizzabili. Tuttavia, per altri occorre ancora fare molto: un conto è conoscere i segreti di certe neoplasie, un altro è capire come trasformarle in un punto debole della patologia, traducendo le nuove scoperte in laboratorio e nella pratica clinica per terapie sempre più efficaci e personalizzate. Sono sicuro che con l’aiuto di tutti faremo presto nuovi passi avanti: per questo ringrazio tutti gli esercizi commerciali di Cattolica che hanno aderito all’iniziativa delle ghirlande solidali. Questo Natale abbiamo proposto gesti semplici, tradizionali: oltre alle ghirlande chiunque poteva acquistare uno dei nostri panettoni o un biglietto della Lotteria Solidale per partecipare alla grande estrazione del 6 gennaio. Tuttavia, dietro a ciascuna di queste iniziative c’è un valore più che concreto: c’è la speranza di restituire tempo e futuro a tanti malati. Chiunque abbia scelto una ghirlanda solidale IOR per abbellire il proprio negozio ha appeso alla vetrina non solo un simpatico addobbo, ma ha mostrato a chiunque la propria convinzione che un futuro sempre più libero dal cancro sia possibile".

Non si tratta dell’unica iniziativa messa in campo dai cittadini di Cattolica per fare la differenza nella lotta contro il cancro in Romagna durante queste festività: alle ghirlande si aggiunge infatti la mostra "Presepi dal mondo: storie di viaggi e passioni", organizzata da Nadia e Pier Maria Salvatori presso il Palazzo del Turismo. Si tratta di un’interessante esposizione di rare statuine provenienti da ogni angolo del pianeta, che raccontano di come questa tradizione natalizia venga declinata in base ai particolari gusti, usi e costumi dei posti. Perfetta per bimbi curiosi ma anche per adulti appassionati, la mostra sarà visitabile fino all’8 gennaio dalle 16 alle 19 nei giorni feriali, con l’aggiunta della fascia oraria 10-12.30 per i giorni festivi. L’ingresso è a offerta libera: il ricavato sarà utilizzato sempre per il sostegno della ricerca scientifica che porta le migliori speranze di cura al letto dei pazienti nel più breve tempo possibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grazie alle "Ghirlande solidali" devoluti 900 euro alla ricerca

RiminiToday è in caricamento